Elisabetta di Polonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elisabetta di Polonia
Dipinto di Bogislao V con la moglie Elisabetta; museo del castello dei duchi di Pomerania, Darłowo, Polonia
Dipinto di Bogislao V con la moglie Elisabetta; museo del castello dei duchi di Pomerania, Darłowo, Polonia
Duchessa consorte di Pomerania
In carica 1343 –
1361
Nascita 1326
Morte Świątkach, Distretto di Szczecinek, 1361
Sepoltura monastero agostiniano di Świątkach
Casa reale Piast
Padre Casimiro III di Polonia
Madre Aldona di Lituania
Consorte di Bogislao V di Pomerania
Figli Elisabetta, Casimiro IV

Elisabetta di Polonia (in polacco Elżbieta Kazimierzówna; 1326Świątkach, 1361) era la figlia maggiore di Casimiro III di Polonia e della prima moglie Aldona di Lituania. Fu duchessa consorte di Pomerania.

Famiglia natale[modifica | modifica wikitesto]

Elisabetta aveva una sorella, Cunegonda, che sposò Ludovico VI il Romano.

Dopo la morte di Aldona, suo padre si sposò altre tre volte. Dalla seconda moglie, Adelaide d'Assia, non ebbe figli; il suo matrimonio non venne mai sciolto propriamente, ciononostante egli sposò segretamente la sua amante, Cristina, ma anch'essa non gli generò eredi. Casimiro III si risposò quindi per la quarta ed ultima volta con Edvige di Sagan, figlia di Enrico V di Iron; da essa ebbe tre figlie, Anna, contessa di Cilli, Cunegonda ed Edvige. Elisabetta non visse però abbastanza a lungo per vedere la nascita delle sorellastre.

Quando Casimiro sposò Edvige egli non aveva ancora ottenuto il completo annullamento dei precedenti matrimoni con Adelaide e Cristina, cosicché egli fu considerato colpevole di bigamia e le sue tre figlie illegittime.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Elisabetta era stata originariamente promessa in sposa a quello che sarebbe diventato suo cognato, Ludovico VI;[1] Casimiro III doveva infatti concludiere un accordo con il padre dello sposo, l'imperatore Ludovico IV. In un secondo momento Casimiro decise di maritare con Ludovico la figlia più giovane, Cunegonda.

Il 24 febbraio 1343, a Poznań, Casimiro e Wartislaw IV, duca di Pomerania, strinsero un accordo contro l'Ordine Teutonico; contemporaneamente fu deciso che Elisabetta avrebbe sposato il figlio di Wartislaw, Boghislao. Il matrimonio fu celebrato a Poznań il 28 febbraio dello stesso anno e la sposa ricevette dal padre una dote di 20 000 kop.

Durante il suo matrimonio, Elisabetta visse perlopiù nel castello di Praga o di Darłowo; essa ebbe due figli:

Nel 1363 sua figlia Elisabetta di Pomerania venne accompagnata dal nonno Casimiro il Grande a Cracovia, dove sposò il Sacro Romano Imperatore, Carlo IV di Lussemburgo; una delle molte feste nuziali venne tenuta a Wierzynek.

Elisabetta, comunque, non poté essere presente al matrimonio della figlia, infatti essa morì nel 1361, in un monastero dell'Ordine di Sant'Agostino a Świątkach, dove fu sepolta. Suo marito, l'anno seguente, si risposò con Adelaide di Brunswick-Grubenhagen; alla sua morte, salì sul trono ducale di Pomerania il figlio avuto da Elisabetta, Casimiro.

La figlia Elisabetta fu madre di numerosi figli, tra cui Anna di Boemia, che sposò re Riccardo II d'Inghilterra, e Sigismondo, succeduto al trono imperiale, che sposò Maria d'Ungheria e, rimasto vedovo, Barbara di Cilli.

Elisabetta è una dei patroni della Scuola Superiore di Szczecinek; annualmente si tiene una festa in suo onore, spesso accompagnata da un banchetto a Wierzynek.

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Elisabetta di Polonia Padre:
Casimiro III di Polonia
Nonno paterno:
Ladislao I di Polonia
Bisnonno paterno:
Casimiro I di Cuiavia
Bisnonna paterna:
Eufrosine di Opole
Nonna paterna:
Edvige di Kalisz
Bisnonno paterno:
Boleslao il Pio
Bisnonna paterna:
Jolenta (Jolanda) di Polonia
Madre:
Aldona di Lituania
Nonno materno:
Gediminas
Bisnonno materno:
Butvydas
Bisnonna materna:
sconosciuta
Nonna materna:
Jaunė
Bisnonno materno:
Ivan di Polack
Bisnonna materna:
sconosciuta

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ POLAND, Medieval Lands su www.fmg.ac
  2. ^ Elisabeth von Pommern su roglo.eu