Eduardo Paolozzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La statua di Isaac Newton nel cortile della British Library

Sir Eduardo Paolozzi (Leith, 7 marzo 1924Londra, 22 aprile 2005) è stato uno scultore e incisore britannico.

Originario di Leith, un distretto a nord di Edimburgo, primogenito di una famiglia di immigrati italiani di Viticuso, un paese di montagna nei pressi di Cassino, studiò al Collegio d'Arte di Edimburgo nel 1943 poi alla St. Martin's School of Art nel 1944 e alla Slade School of Art di Londra dal 1944 al 1947. Si trasferì a Parigi dove cominciò a lavorare.

Insieme ad altri artisti, quali Richard Hamilton e Nigel Henderson, fu uno dei fondatori dell'Independent Group, precursore della Pop Art britannica degli anni '60.

Il suo collage del 1947 I was a rich man's plaything[1] è talvolta citato come la prima opera veramente Pop Art, benché lui descriva il suo lavoro come surrealista.

Insegnò scultura e plastica in diverse scuole, tra cui l'University of California, Berkeley (nel 1968) e il Royal College of Art. Paolozzi lavorò anche a Berlino dal 1974 e a Colonia dal 1977 al 1981, e successivamente insegnò scultura presso la Accademia delle belle arti di Monaco di Baviera; proprio a Monaco è esposta la sua scultura For Leonardo, di fronte alla Alte Pinakothek nel Kunstareal.

Paolozzi fu nominato membro dell'Ordine dell'Impero Britannico nel 1968 ed elevato al rango di Cavaliere Commendatore nel 1988, ottenendo il titolo di Sir, e nel 1979 fu nominato membro della Royal Academy. Divenne lo scultore ufficiale di Sua Maestà la Regina nel 1986.

Nel 1994 fece dono di una gran parte dei suoi lavori e della maggior parte degli oggetti presenti nel suo studio alla Scottish National Gallery of Modern Art.

Nel 1999 la Galerie Nationale di Scozia inaugurò la Galerie Dean e vi espose la sua collezione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Il collage nel sito della Tate Gallery

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 14809834 LCCN: n50050217

scultura Portale Scultura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scultura