Dmitri Nabokov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Dmitri Vladimirovič Nabokov (Berlino, 10 maggio 1934Vevey, 22 febbraio 2012) è stato un basso e traduttore statunitense. È l'unico figlio dello scrittore Vladimir Nabokov e di sua moglie Vera Slonim.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Trasferitosi con la famiglia da Berlino a Parigi nel 1937 per evitare le persecuzioni naziste, in seguito immigrò a New York City nel 1940.[1] Dmitri Nabokov crebbe nell'area di Boston mentre il padre insegnava presso la Wellesley College e lavorava come curatore presso la Museum of Comparative Zoology. Dopo essersi laureato presso l'università di Harvard nel 1955, Nabokov studiò canto presso la Longy School of Music, e nel 1961 debuttò come cantante lirico, vincendo il Reggio Emilia International Opera Competition, interpretando il ruolo di Colline in La bohème.[2] Fra i momenti più importanti della sua carriera operistica si possono citare le interpretazioni al Gran Teatre del Liceu con il soprano Montserrat Caballé ed il tenore Giacomo Aragall.[3]

Carriera letteraria[modifica | modifica sorgente]

Nabokov ha tradotto gran parte del lavoro del padre, inclusi romanzi, recite, poesie, letture e lettere, in numerose lingue. Una delle sue prime traduzioni, dal russo all'inglese, è stata Invitation to a Beheading, sotto la supervisione del padre. Nel 1986, Dmitri pubblica la traduzione di una novella precedentemente sconosciuta al pubblico. The Enchanter (Volshebnik), scritto in russo nel 1939, è stato definito "un pezzo morto" da Vladimir Nabokov e si credeva fosse andato distrutto. La novella ha alcune similitudini con Lolita; di conseguenza (anche se Dmitri non è d'accordo con questa valutazione) è stato descritto come Ur-Lolita ("L'originale Lolita"), un precursore del lavoro più conosciuto di Nabokov.[4]

Come esecutore del patrimonio letterario di suo padre, Nabokov ha anche lottato per oltre 30 anni per pubblicare il manoscritto finale di suo padre, The Original of Laura.[5] È stato pubblicato da Knopf il 16 novembre 2009.[6]

In occasione del centenario di Vladimir Nabokov, nel 1999, Dmitri è apparso nel ruolo del padre in Dear Bunny, Dear Volodya di Terry Quinn, una lettura drammatica basata sulle lettere personali tra Nabokov e il critico letterario e sociale Edmund Wilson. Le rappresentazioni hanno avuto luogo a New York, Parigi, Magonza, e Itaca.

Dmitri Nabokov ha vissuto fino alla morte fra Palm Beach, Florida, e Montreux, Svizzera. È scomparso nel 2012 all'età di 77 anni[7].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "I Will Sing When You’re All Dead" The Morning News, November 8, 2008. Link to Article
  2. ^ "La Bohème Discography." OperaGlass. 08 Dec 2003. 20 Aug 2006 Link to Article
  3. ^ "Dmitri Nabokov Interview with JOYCE." NABOKV-L. 10 November 2003. Link to Article
  4. ^ Nabokov, Dmitri. "On a Book Entitled The Enchanter". The Enchanter 1986: 85, 107, 109.
  5. ^ Rosenbaum, Ron, Dmitri Nabokov turns to his dead father for advice on whether to burn the author's last, unpublished manuscript. in Slate, 27 febbraio 2008. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  6. ^ Londoner's Diary | Evening Standard
  7. ^ Vladimir Nabokov’s son Dmitri dies in Switzerland Notizia della morte da Voice of Russia (en)

Controllo di autorità VIAF: 109729824