Discorso sulle scienze e le arti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Discorso sulle scienze e le arti
Titolo originale Discours sur les sciences et les arts
Frontispiece of Jean-Jacques Rousseau's Discourse on the Arts and Sciences, 1750.png
Autore Jean-Jacques Rousseau
1ª ed. originale 1750
Genere saggio
Lingua originale francese

Il Discorso sulle scienze e le arti fu una delle prime opere del filosofo ginevrino Jean-Jacques Rousseau. Fu composto nel 1750 in risposta al bando del concorso indetto dall'Accademia di Digione sul seguente tema: «Se il rinascimento delle scienze e delle arti abbia contribuito a migliorare i costumi.»

L'opera diede a Rousseau una fama immediata, ma provocò un raffreddamento nei suoi rapporti con il gruppo dei philosophes raccolti intorno al progetto editoriale dell'Encyclopédie, che sul tema del progresso condividevano un orientamento molto diverso. Rousseau irruppe nel contesto dell'Illuminismo francese affermando che le arti e le scienze corrompono i costumi e sono uno strumento con cui i tiranni esercitano il potere. Egli metteva a confronto le figure idealizzate di Plutarco e Socrate con la dissolutezza della Roma imperiale e della Parigi contemporanea, senza risparmiare, nella sua critica, coloro che in vario modo avevano partecipato idealmente lo spirito dei lumi, da Cartesio a Hobbes, da Leibniz allo stesso Voltaire. Quest'ultimo replicò alle accuse di Rousseau con sottili ma non meno feroci sarcasmi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Casini, Introduzione a Rousseau, 3ª ed., Roma-Bari, Laterza [1974], 1986.
  • Emilio Zanette, Jean-Jacques Rousseau. In F. Cioffi, F. Gallo, G. Luppi, A. Vigorelli, E. Zanette, Diálogos (volume secondo: La filosofia moderna), Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori, 2000, ISBN 88-424-5264-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]