Progetto di costituzione per la Corsica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Rousseau

Il Progetto di costituzione per la Corsica, scritto nel 1768, è tra le opere meno conosciute del filosofo svizzero illuminista Jean-Jacques Rousseau (1712-1778). L'opera nasce nel 1768, su richiesta di Matteo Buttafuoco, plenipotenziario del Consiglio Indipendentista Corso.

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Il Progetto di costituzione per la Corsica, sebbene non sia preso molto in considerazione nello studio del pensiero politico del ginevrino, rappresenta un'importante testimonianza della volontà di Rousseau di voler dare applicazione concreta ad alcune tesi politiche esposte nel Contratto sociale. L'opera, allo stesso modo delle Considerazioni sul governo della Polonia, simboleggia una tappa fondamentale del processo di maturazione del pensiero politico di Rousseau.

Nel periodo in cui il Progetto viene elaborato, la Corsica vive un momento storico di indipendenza, ottenuta nel 1755 nei confronti della Repubblica di Genova, grazie all'opera dell'eroe còrso Pasquale Paoli, che fa dell'isola il primo Stato europeo dotato di una costituzione democratica e moderna, in parte ispirata alle soluzioni proposte da Rousseau.

Secondo Rousseau, la Corsica rappresenta uno degli stati più adatti a ricevere una costituzione, sia per la tenacia dei suoi cittadini che sono riusciti a liberarsi dal giogo straniero, sia perché l'isola non ha mai avuto delle leggi ed ha superstizioni e costumi ben poco radicati. La forma di governo meno dispendiosa per la Corsica, e quanto più favorevole all'agricoltura, è per Rousseau quella che contempla il minor numero di stati gerarchici, di classi diverse, e cioè lo Stato repubblicano. Tuttavia, Rousseau è consapevole che nell'applicare questa forma di governo alla Corsica sono necessarie alcune modifiche, poiché questa forma di governo si addice alle piccole città piuttosto che a una grande nazione. Per questo motivo, egli propone una forma di governo misto, nella quale il popolo si riunisca per gruppi, e dove però esistano dei depositari del potere, di numero più ristretto di quello dell'intero popolo, che vengono spesso mutati.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jean-Jacques Rousseau, Progetto di costituzione per la Corsica, in Id., Scritti politici, Bari, Laterza, 1971.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]