Le confessioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'album di Iva Zanicchi, vedi Confessioni (album).
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'opera di Agostino d'Ippona, vedi Confessioni.
Le confessioni
Titolo originale Les Confessions
Rousseau in later life.jpg
Ritratto di Rousseau
Autore Jean-Jacques Rousseau
1ª ed. originale 1782-1789
Genere trattato
Sottogenere autobiografico
Lingua originale francese

Le confessioni (o Confessioni) è il titolo di un'opera autobiografica di Jean-Jacques Rousseau. Oggi incluse negli Scritti autobiografici, uscirono a stampa solo postume (la prima parte nel 1782 e la seconda nel 1789). Esse raccontano i primi 53 anni di vita dell'autore in 12 libri.

La redazione delle Confessioni iniziò nel 1764; Rousseau ne redasse i primi otto libri a Wootton, dopo la rottura dell'amicizia con David Hume e ne continuò la scrittura durante il suo rientro a Parigi. Nel 1771, Louise d'Épinay, appoggiata da Denis Diderot, chiese alla polizia di far interrompere le letture pubbliche che Rousseau ne stava facendo.

La prima parte, con Preambolo e 6 capitoli, ricopre gli anni 1712-1740: sono gli anni di formazione, dalla nascita a Ginevra all'arrivo a Parigi, quando l'autore ha 28 anni. La seconda parte, dal capitolo 7 in poi, ricopre gli anni 1741-1765: la sua introduzione negli ambienti della capitale che si dedicano a musica e filosofia, con la pubblicazione delle opere e gli attacchi subiti dopo aver scritto Emilio o dell'educazione e la conseguente fuga in Svizzera.

Il titolo sicuramente si rifà alle Confessioni di Agostino d'Ippona (meglio noto come sant'Agostino), scritte in latino nel IV secolo.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Sono apprezzate in sede critica le traduzioni:

  • di Giorgio Cesarano, Garzanti, Milano 1976;
  • di Valeria Sottile Scaduto, prima in Opere, a cura di Paolo Rossi (Sansoni, Firenze, 1972), poi ripresa da Mondadori (con introduzione di Andrea Calzolari, 1995);
  • di Michele Rago, con introduzione di Jean Guéhenno (Einaudi, 1978), ripresa in Scritti autobiografici, a cura di Lionello Sozzi (Einaudi-Gallimard, Torino, 1997);
  • di Felice Filippini con introduzione di Roberto Guiducci, Rizzoli, Milano 1996.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Casini, Introduzione a Rousseau, Laterza, Roma-Bari 1999.
  • Robert Wokler, Rousseau (1995), trad. Simona Ferlini, Il Mulino, Bologna 2001.
  • Jean Starobinski, La trasparenza e l'ostacolo (1971), trad. Rosanna Albertini, Il Mulino, Bologna 1982.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura