Dimitrij Rupel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dimitrij Rupel

Dimitrij Rupel (Lubiana, 7 aprile 1946) è un politico e diplomatico sloveno, attualmente consigliere per la politica estera del primo ministro sloveno Borut Pahor[1].

Rupel, la cui famiglia è originaria di Trieste, ha studiato presso l'University of Essex, l'Università di Lubiana (dove si è laureato in letteratura mondiale e sociologia) e la Brandeis University (presso cui ha fatto il dottorato in sociologia).

Rupel è uno dei fondatori dell'Unione Democratica Slovena (SDZ - Slovenska demokratična zveza), fondata nel 1989, e nel 1991 ridenominata Partito Democratico (Demokratska stranka).

Rupel è stato il primo ministro degli affari esteri della Slovenia indipendente, dal 1990 fino al 1993, durante la separazione dalla Jugoslavia. Dal 1993, è stato deputato presso l'Assemblea Nazionale della Slovenia.

Nel 1994, la maggioranza del partito di Rupel divenne parte della Democrazia Liberale di Slovenia. Nel 1994 venne anche eletto sindaco di Lubiana: entrò in carica nel 1995 e vi rimase fino al 1997, quando fu nominato ambasciatore presso gli Stati Uniti d'America.

Rupel divenne nuovamente ministro degli esteri della Slovenia nel 2000. Rimase in carica fino a luglio 2004, quando il Primo Ministro Anton Rop lo sostituì con Ivo Vajgl. Successivamente lasciò la Democrazia Liberale di Slovenia e si unì all' opposizione, rappresentata dal Partito Democratico Sloveno. Nell'ottobre 2004, il Partito Democratico Sloveno vinse le elezioni e Rupel fu nuovamente nominato ministro degli esteri.

Durante il 2005 è stato Presidente dell'OCSE. Attualmente (2013) è console generale di Slovenia a Trieste.

Sua nipote è la cantante pop Anja Rupel.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stefano Lusa, A volte ritornano in Osservatorio Balcani e Caucaso, 3 dicembre 2008. URL consultato il 5 luglio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 59122567 LCCN: n83058884