Dimitri di Russia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Dimitri di Russia
Dimitri di Russia raffigurato in una statua del Millenario della Russia
Dimitri di Russia raffigurato in una statua del Millenario della Russia
Venerato da Chiesa ortodossa russa
Ricorrenza 19 maggio

Dmitrij Ivanovič (in russo: Дми́трий Ива́нович?, detto Donskoj, ovvero Demetrio del Don in russo: Дмитрий Донской?; Mosca, 12 ottobre 135019 maggio 1389) è stato Principe di Mosca dal 1359 e Granduca di Vladimir dal 1363 al 1389. È venerato come santo dalla Chiesa ortodossa russa, che lo commemora il 19 maggio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1366 sposò Eudocia di Mosca, figlia di Dmitri Konstantinovič, Principe di Sudzal e di Novgorod, saldando con questo matrimonio un'alleanza tra questo principato e quello di Mosca.

I trenta anni di regno di Dimitri vedono grandi cambiamenti nel principato di Mosca tra cui anche l'inizio della fine della dominazione mongola. L'Orda d'Oro in questi anni è travagliata da una grave guerra civile legata alla successione. Dimitri trae vantaggio da questa latenza di potere dei mongoli per incrementare l'influenza del principato di Mosca. Nel corso del suo regno la Moscovia raddoppia la propria superficie.

Mentre, da un lato, continua a raccogliere i tributi dovuti dagli altri principati russi all'Orda, Dimitri è anche famoso per aver ottenuto la prima vittoria militare sui mongoli.

Mamai, un generale mongolo con aspirazioni al titolo di khan, decide di punire Dimitri per i suoi tentativi di aumentare il suo potere. Nel 1378 invia un piccolo contingente militare, ma questo viene sconfitto dall'esercito di Dimitri. Due anni più tardi Mamai guida personalmente un grosso esercito contro Mosca, ma viene battuto nella battaglia di Kulikovo.

L'anno seguente Mamai viene sconfitto da Tochamyš, un altro pretendente al trono (quest'ultimo sarà a sua volta ucciso da Edigu).

Il nuovo khan rinsalda il controllo dei mongoli sulla Russia e saccheggia Mosca per punire Dimitri per la sua resistenza a Mamai. Dimitri si impegna nuovamente ad essere fedele a Tochamyš ed all'Orda e riesce a riottenere nuovamente il ruolo di collettore delle tasse ed il titolo di principe di Vladimir.

Alla sua morte, nel 1389, Dimitri è il primo dei Gran Principi di Mosca a poter lasciare il titolo direttamente ai propri figli senza più bisogno di conferma da parte dell'Orda.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principe di Mosca Successore
Ivan II 1362–1389 Basilo I
Predecessore Granduca di Vladimir Successore
Dmitrij Konstantinovič 1362–1389 il titolo si estingue

Controllo di autorità VIAF: 22935629 LCCN: n82063855