Dickinsonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Dickinsonia
Dickinsonia costata e.JPG
Dickinsonia costata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno  ? Animalia
Phylum  ? Vendozoa
Genere Dickinsonia

La dickinsonia (gen. Dickinsonia) è un misterioso organismo fossile, caratteristico della fauna di Ediacara. I suoi resti sono stati rinvenuti esclusivamente in terreni dell’Ediacariano (circa 550 milioni di anni fa), principalmente in Australia. Molti scienziati sono inclini a ritenerlo un animale, ma alcuni suggeriscono che potesse essere un rappresentante di un regno estinto.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

I fossili di Dickinsonia sono di dimensioni variabili: da minuscoli (4 millimetri di lunghezza) a giganteschi (un metro e quaranta). Consistono in una serie di segmenti vagamente simili a costole, che emergono da una fossa centrale (o forse una cresta). Queste “costole” sembrerebbero essere separate da una membrana, dando luogo a una simmetria a scorrimento, e sono più spesse a un capo dell’animale (anche se non vi è una chiara distinzione tra una “testa” e una “coda”).

Un fossile di D. costata

I segmenti di Dickinsonia sono stati descritti come “pneus”, ovvero camere riempite di liquido a una pressione più alta di quella dell’ambiente circostante, che davano luogo a una struttura simile a una trapunta. I singoli segmenti sembrerebbero aperti alle loro estremità, e alcuni fossili potrebbero mostrare tracce di fibre muscolari; questa ipotesi, tuttavia, non è considerata valida da molti scienziati. In base ai resti fossili di parte e controparte, sembra che la dickinsonia avesse uno spessore di circa tre millimetri, e che i segmenti fossero più prominenti nella superficie superiore del corpo.

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Si conoscono cinque specie di Dickinsonia: D. costata, D. lissa, D. tenuis, D. rex e D. menneri, differenti l’una dall’altra soprattutto per la morfologia dei segmenti e dell’asse centrale.

Varie specie di Dickinsonia

D. costata è caratterizzata da un solco stretto, da una forma del corpo ovale e da ampi segmenti, mentre D. tenuis possedeva segmenti stretti, un corpo allungato e un ampio solco. D. rex era la forma più grande, e possedeva segmenti molto più sottili rispetto a D. costata. D. lissa era estremamente allungata (quasi a forma di nastro), mentre D. menneri differiva da tutte le altre specie a causa della fusione di alcuni segmenti di un’estremità, che andavano a formare una sorta di “testa”.

Distribuzione fossile[modifica | modifica wikitesto]

Fossili di dickinsonia sono stati rinvenuti principalmente in Australia, nelle Flinders Ranges, ma anche in India, in Ucraina e in Russia. L’orizzonte geologico a cui appartengono i fossili si attesta tra i 560 e i 541 milioni di anni fa.

Struttura interna di Dickinsonia interpretata come una sorta di sistema digestivo. Da Ivantsov, 2004.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

La dickinsonia è generalmente considerata un tipico membro dei Vendozoa, la cosiddetta fauna di Ediacara, ovvero un gruppo di organismi che si svilupparono appena prima che i principali phyla di animali pluricellulari apparissero sulla Terra. Possibili parenti di Dickinsonia sono Nasepia, Yorgia e Marywadea, dall’aspetto simile.

Le affinità della dickinsonia, in ogni caso, non sono chiare. Questo organismo è stato variamente interpretato come una medusa, un verme polichete, una turbellaria, un fungo, un protista, un anemone di mare, un lichene e addirittura un antenato dei cordati.

È probabile, comunque, che la dickinsonia fosse effettivamente parte di un gruppo di organismi che si estinsero prima del Cambriano, i vendozoi. L’organizzazione corporea di questo organismo è notevolmente simile a quella dei cosiddetti rangeomorfi (Rangeomorpha), esseri simili alle attuali pennatulacee caratteristici della fauna di Ediacara.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Brasier, M.; Antcliffe, J. (2004). "Decoding the Ediacaran Enigma". Science 305 (5687): 1115–1117. doi:10.1126/science.1102673. PMID 15326344.
  • (EN) Dzik, Jerzy. (2000) "The Origin of the Mineral Skeleton in Chordates." in Max Knobler Hecht, Ross J. MacIntyre and Michael T. Clegg, eds. Evolutionary Biology Vol. 31. Pp. 105-46. Springer. ISBN 0306461781 [2] – URL retrieved February 10, 2007
  • (EN) Grazhdankin, Dima (2004). "Patterns of distribution in the Ediacaran biotas: facies versus biogeography and evolution" (in en). Palæobiology 30 (2): 203–221. Retrieved on 2007-03-08.
  • (EN) Ivantsov, A.Y.; Malakhovskaya, Y.E. (2002). "Giant Traces of Vendian Animals". Doklady Earth Sciences 385 (6): 618–622. Retrieved on 2008-02-24.
  • (EN) Ivantsov, A. Yu (2004). "New Proarticulata from the Vendian of the Arkhangel’sk Region". Paleontological Journal 38 (3): 247–253.
  • (EN) Ivantsov, A. Yu (2007). "Small Vendian transversely Articulated fossils". Paleontological Journal 41 (2): 113–122. doi:10.1134/S0031030107020013.
  • (EN) Retallack, G.J. (1994). "Were the Ediacaran fossils lichens?". Paleobiology 17: 523–544. ISSN 0094-8373. Retrieved on 2007-03-08.
  • (EN) Retallack, Gregory J. (2004) "Death, Decay and Destruction of Dickinsonia". Geological Society of America Abstracts with Programs, Vol. 36, No. 5, p. 521
  • (EN) Retallack, G.J. (2007). "Growth, decay and burial compaction of Dickinsonia, an iconic Ediacaran fossil". Alcheringa: An Australasian Journal of Palaeontology 31 (3): 215–240. doi:10.1080/03115510701484705. Retrieved on 2007-11-24.
  • (EN) Sprigg, R.C. (1947) "Early Cambrian (?) Jellyfishes from the Flinders Ranges, South Australia. Trans. Roy. Soc. S. Aust. 71:" : 212–224.
  • (EN) Waggoner, B.; Collins, A.G. (2004). "Reductio Ad Absurdum: Testing The Evolutionary Relationships Of Ediacaran And Paleozoic Problematic Fossils Using Molecular Divergence Dates". Journal of Paleontology 78 (1): 51–61. doi:10.1666/0022-3360(2004)078<0051:RAATTE>2.0.CO;2

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Paleontologia Portale Paleontologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Paleontologia