Decapoli (Alsazia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Image-Blason Colmar 68.svg Blason haguenau 67.svg Blason de la ville de Kaysersberg (68).svg Blason Mulhouse.svg Blason de la ville de Munster (68).svg
Colmar Haguenau Kaysersberg Mulhouse Munster
Blason Obernai 67.svg Blason Rosheim 67.svg Blason ville fr Sélestat (Alsace).svg Blason de la ville de Turckheim (68).svg Blason Wissembourg 67.svg
Obernai Rosheim Sélestat Turckheim Wissembourg

La Decapoli (in francese Décapole, in tedesco Zehnstädtebund o Dekapolis) è stata l'alleanza di dieci libere città alsaziane all'interno del Sacro Romano Impero in una lega fondata nel 1354 e dissolta nel 1679.

Il Re dei Romani e futuro Sacro Romano Imperatore Carlo IV ratificò nel 1354 la lega che comprendeva le città di:

Haguenau divenne capoluogo dopo che Strasburgo, ugualmente libera città, rimase fuori dalla lega. La Decapoli aveva la vocazione di favorire la cooperazione tra le città che ne facevano parte, senza arrivare ad una loro unione politica. Secondo gli storici la particolarità dell'istituzione era, oltre all'alleanza militare, la mutua assistenza finanziaria in caso di bancarotta.

L'indipendenza delle città favorì la spartizione delle campagne alsaziane tra un gran numero di signori ecclesiastici e laici. Nel 1515, la Repubblica di Mulhouse si ritirò dalla Decapoli per allearsi ai cantoni svizzeri. Fu allora sostituita dalla città di Landau.

La lega subì fortemente la guerra dei Trent'anni, che distrusse la regione e permise alla Francia di annettere gran parte delle città in seguito al Trattato di Vestfalia del 1648. Solo la Repubblica di Mulhouse conservò la sua indipendenza. La firma del Trattato di Nimega nel 1678 segnò la fine della Decapoli.

Una mappa illustrante la Decapoli alsaziana (1354-1679)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lucien Sittler, La Décapole alsacienne des origines a la fin du moyen age, Publ. de l'Institut des Hautes Etudes Alsaciennes XII, 1955
  • Lucien Sittler, Der elsässische Zehnstädtebund, seine geschichtliche Eigenheit und seine Organisation, pagg. 59-77, Esslinger Studien 10, 1964
  • Lucien Sittler, Zehnstädtebund in: Lexikon des Mittelalters, vol. 3 pag. 654
  • Christian Ohler, Zwischen Frankreich und dem Reich. Die elsässische Dekapolis nach dem Westfälischen Frieden, Mainzer Studien zur Neueren Geschichte vol. 9, Peter Lang, Francoforte, 2002 ISBN 3-631-38777-6
  • Bernard Vogler, La Décapole. Dix villes d'Alsace alliées pour leurs libertés 1354-1679, Editions La Nuée Bleue/DNA, Strasburgo, 2009 ISBN 978-27165-0728-8