Dattili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella mitologia greca, vengono chiamati Dattili alcuni figli di Rea.

Nel mito[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcuni mentre stava partorendo Zeus, Rea presa dal dolore mosse le sue dita al suolo, schiacciandole con tanta forza che uscirono fuori i Dattili. Cinque maschi dalla mano destra e conseguenzialmente, cinque femmine dall'altra mano.

Alcuni dicono che vivevano sul monte Ida molto tempo prima rispetto alla nascita di Zeus.

Altri che la ninfa Anchiale li diede alla vita nella grotta del Ditte.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

I fratelli dattili erano bravissimi fabbri, infatti furono i primi a scoprire il ferro, in un monte a loro vicino, il Berecinzio. Invece le loro sorelle stabilitesi a Samotracia, avevano maestria nell'arte della magia ed iniziarono Orfeo al mistero della dea.

I nomi sono tenuti in segreto.

Altri pareri[modifica | modifica wikitesto]

Altri sostengono invece che i Dattili erano i Cureti che difesero il dio Zeus, quando in tenera età si trovava a Creta e per scampare alla furia di Crono subito eressero a lui un tempio.

I loro nomi erano:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca