D-Tox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
D-Tox
D-Tox.png
Sylvester Stallone in una scena del film
Titolo originale D-Tox
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2002
Durata 96 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35 : 1
Genere thriller, noir, azione, drammatico
Regia Jim Gillespie
Soggetto basato sul romanzo di Howard Swindle
Sceneggiatura Ron L. Brinkerhoff
Produttore Kevin King
Casa di produzione United International Pictures
Fotografia Dean Semler
Montaggio Tim Alverson, Steve Mirkovich
Musiche John Powell
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

D-Tox è un film del 2002, diretto da Jim Gillespie, con protagonista l'attore Sylvester Stallone.

Il film è tratto dal libro di Howard Swindle Jitter Joint.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia è incentrata sull'agente dell'FBI, Jake Malloy vittima designata di un serial killer psicopatico. Dopo aver visto brutalmente uccisi da quest'ultimo la fidanzata ed un suo amico e collega, Malloy cade in una profonda depressione e viene convinto da un altro collega a ricoverarsi in un centro di riabilitazione (D-Tox), che si trova in una zona isolata nel Wyoming, finalizzato alla cura di agenti con vari problemi di nevrosi o di alcolismo, derivanti da traumi generati dall'aver assistito ad eventi drammatici che il mestiere comporta. Il killer, però, riesce a seguirlo e ad infiltrarsi nel centro, sostituendosi ad un poliziotto che vi doveva essere ricoverato e che viene ucciso prima dell'arrivo. Camuffato fino all'ultimo tra i ricoverati, comincia ad eliminare ad uno ad uno i componenti dello staff del centro e gli altri agenti, con l'ossessivo scopo finale di arrivare a Malloy.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il budget del film è stato di circa 55 milioni di dollari.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema