Cracidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cracidae
Penelope jacquacu - Spix-Guan - Spix's Guan.jpg
Penelope jacquacu
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Galliformes
Famiglia Cracidae
Rafinesque, 1815
Generi

I Cracidi (Cracidae Rafinesque, 1815) sono una famiglia di uccelli appartenenti all'ordine Galliformes, distribuiti nelle regioni a clima tropicale e subtropicale dell'America centrale e del Sud America.[1]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

I Cracidi sono uccelli di medio-grosse dimensioni, del tutto simili nell'aspetto a dei tacchini. I guan e gli hocco vivono nelle foreste, mentre i ciacialaca, di dimensioni minori, sono più frequenti in zone più aperte con numerosi cespugli. Parecchie specie sono dotate di una coda piuttosto lunga, che li aiuta come un timone mentre si spostano velocemente tra un albero e l'altro. La maggior parte ha piumaggi spenti, ma gli hocco e alcuni guan sono provvisti di appariscenti colorazioni facciali.Questi uccelli hanno canti del tutto caratteristici e i ciacialaca in modo particolare vengono chiamati in questo modo proprio per i loro versi. Le dimensioni dei cracidi variano tra i 38 cm del ciacialaca minore (Ortalis motmot) e i 70–90 cm del crace maggiore (Crax rubra).

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Si nutrono di frutti, insetti e vermi. Il nido viene costruito sugli alberi, all'interno del quale vengono deposte due o tre grosse uova bianche, che di solito sono covate solo dalla femmina. I pulcini sono autonomi appena escono dall'uovo e subito cercano riparo tra i rami dell'albero sul quale si trova il nido e dopo pochi giorni dalla schiusa sono già capaci di volare.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

I Cracidi sono un antico gruppo vicino tassonomicamente ai Megapodiidae della regione australasiatica. Sono a volte considerati assieme a questi ultimi come un ordine a sé stante, i Craciformes, ma tale orientamento non è supportato dalle recenti ricerche, che invece fanno ben apparire questo gruppo come una linea filetica basale dei Galliformes.

Guan delle alture
Penelopina nigra
Ciacialaca disadorno
Ortalis vetula
Hocco beccorosso
Crax blumenbachii
Hocco dall'elmo
Pauxi pauxi

La famiglia comprende le seguenti specie:[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Cracidae in IOC World Bird Names (ver 4.1), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 21 novembre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Grau, Erwin T.; Pereira, Sérgio Luiz; Silveira, Luís Fábio; Höfling, Elizabeth & Wanjtal, Anita (2005): Molecular phylogenetics and biogeography of Neotropical piping guans (Aves: Galliformes): Pipile Bonaparte, 1856 is synonym of Aburria Reichenbach, 1853. Molecular Phylogenetics and Evolution 35: 637-645. DOI: doi:10.1016/j.ympev.2004.12.004 PDF fulltext
  • del Hoyo, J. (1994). Family Cracidae (Chachalacas, Guans and Curassows). Pp. 310–363 in; del Hoyo, J., Elliott, A. & Sargatal, J. eds. Handbook of the Birds of the World, Vol. 2. New World Vultures to Guineafowl. Lynx Edicions, Barcelona. ISBN 8487334156
  • Pereira, Sérgio Luiz & Baker, Allan J. (2004): Vicariant speciation of curassows (Aves, Cracidae): a hypothesis based on mitochondrial DNA phylogeny. Auk 121 (3): 682-694. [English with Spanish abstract] DOI:10.1642/0004-8038(2004)121[0682:VSOCAC]2.0.CO;2 HTML abstract HTML fulltext without images
  • Pereira, Sérgio Luiz; Baker, Allan J.& Wajntal, Anita (2002): Combined nuclear and mitochondrial DNA sequences resolve generic relationships within the Cracidae (Galliformes, Aves). Systematic Biology 51(6): 946-958. DOI: 10.1080/10635150290102519 PDF fulltext
  • Zelenitsky, Darla K.; Hills, L. V. & Currie, Philip J. (1996): Parataxonomic classification of ornithoid eggshell fragments from the Oldman Formation (Judith River Group; Upper Cretaceous), Southern Alberta. Canadian Journal of Earth Sciences 33(12): 1655-1667.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli