Megapodiidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Megapodidi
Australian Brush turkey2.jpeg
Alectura lathami
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Galliformes
Famiglia Megapodiidae
Lesson, 1831
Generi

I Megapodidi (Megapodiidae Lesson, 1831) sono una famiglia di uccelli dell'ordine dei Galliformi[1]. Sono uccelli dall'aspetto simile a quello di un pollo, di medie dimensioni e corporatura tozza, con testa piccola e grandi zampe. Il loro nome significa, letteralmente, «grande piede» (dal greco mega, «grande», e poda, «piede»), proprio in riferimento alle zampe e ai piedi di grandi dimensioni tipici di questi uccelli terricoli. Tutti quanti sono brucatori e, a eccezione del fagiano australiano, occupano ambienti boschivi. Hanno quasi tutti un piumaggio bruno o nero. I megapodi sono «super-precoci», in quanto i pulcini che escono dall'uovo sono più sviluppati di quelli di qualsiasi altro tipo di uccello: hanno gli occhi aperti, una muscolatura piuttosto sviluppata e una buona coordinazione nei movimenti, ali completamente ricoperte di penne e corpo interamente ricoperto di piumino, e sono in grado di correre, inseguire le prede e, in certe specie, volare entro un giorno dalla schiusa[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I megapodi sono uccelli terricoli di dimensioni medio-grandi con grosse zampe e piedi muniti di artigli affilati. Misurano 28-70 cm di lunghezza. Le specie più grandi sono quelle appartenenti ai generi Alectura e Talegalla, mentre le più piccole sono il megapodio della Micronesia (Megapodius laperouse) e il megapodio delle Molucche (Eulipoa wallacei). Hanno tutti testa piccola, becco corto e ali grandi e arrotondate. Le loro capacità di volo variano a seconda della specie. Presentano l'alluce allo stesso livello delle altre dita, proprio come le specie della famiglia dei Cracidi. Gli altri Galliformi, invece, hanno l'alluce posizionato al di sopra del livello delle dita frontali[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

I tacchini di boscaglia si incontrano spesso in parchi o giardini.

I megapodi sono diffusi in quasi tutta l'Australasia. Il loro areale comprende varie isole del Pacifico occidentale, l'Australia, la Nuova Guinea e le isole indonesiane a est della linea di Wallace, e perfino le isole Andamane e Nicobare, nel golfo del Bengala. Nell'area del Pacifico la distribuzione della famiglia si è ridotta notevolmente in seguito all'arrivo degli esseri umani, e molte isole, come le Figi, le Tonga e la Nuova Caledonia, hanno ormai perso quasi tutte le specie endemiche che le popolavano[4].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Tacchino di boscaglia australiano sul suo tumulo.
Questa sezione di un tumulo di megapodio mostra uno strato di sabbia (spesso fino a un metro) utilizzato per l'insolazione, una camera delle uova, e uno strato di materiale in decomposizione. La camera delle uova è mantenuta alla temperatura costante di 33 °C grazie all'apertura e alla chiusura di condotti nello strato di insolazione, mentre il calore proviene dal compost sottostante.

I megapodi sono uccelli prevalentemente solitari che, a differenza degli altri uccelli, non incubano le proprie uova con il proprio calore corporeo, ma seppellendole. Le loro uova sono caratteristiche, in quanto possiedono un tuorlo molto grosso, pari al 50-70% del peso totale[5]. Questi uccelli sono noti soprattutto per la loro abilità di costruire imponenti tumuli-nido fatti di vegetazione in decomposizione; durante l'incubazione delle uova, i maschi aggiungono o rimuovono pezzi di materiale per regolare la temperatura all'interno del tumulo. Tuttavia, altre specie seppelliscono le proprie uova in modi diversi: alcuni megapodi sfruttano il calore delle sorgenti geotermali, e altri fanno semplicemente affidamento al calore della sabbia scaldata dal sole. Alcune specie variano la propria strategia di incubazione a seconda dell'ambiente[4]. In passato gli studiosi ritenevano che il sesso dei pulcini del fagiano australiano venisse determinato dalla temperatura in cui si sviluppava l'embrione; prima che venisse dimostrata la falsità di questa ipotesi[6], si pensava che ciò valesse anche per tutti gli altri megapodi, dal momento che tutte le specie appartenenti a questa famiglia condividono metodi di nidificazione unici tra gli uccelli[6]. Data la particolarità di questa tecnica di riproduzione, i pulcini non hanno modo di conoscere i propri genitori; gli studiosi si sono a lungo domandati come possano riconoscere gli altri membri della propria specie, visto che non possono fare affidamento sull'imprinting come altri membri dell'ordine dei Galliformi. Ricerche recenti sembrano suggerire che ogni megapodio sia dotato di una sorta di riconoscimento visuale istintivo per i movimenti propri della specie a cui appartiene[7].

I pulcini di megapodio non hanno il dente del becco; alla schiusa utilizzano i robusti artigli per frantumare il guscio, e poi si fanno strada fino alla superficie del tumulo giacendo sul dorso e menando colpi con le zampe per grattare via lo strato di sabbia e sostanze vegetali. Come altri uccelli super-precoci, al momento della schiusa sono completamente ricoperti di penne e particolarmente attivi, in quanto sono già in grado di volare e di vivere senza l'aiuto dei genitori[5].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Le 22 specie di megapodi vengono suddivise in 7 generi[1]. Sebbene i rapporti evolutivi all'interno della famiglia siano quasi sconosciuti, sono ben delineati tre diversi tipi di linee evolutive, i tacchini di boscaglia (Alectura, Aepypodius e Talegalla), il fagiano australiano (Leipoa) e i megapodi (Macrocephalon, Eulipoa e Megapodius)[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Megapodiidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 5 maggio 2014.
  2. ^ Starck, J. M., Ricklefs, R. E.(1998) "Avian Growth and Development. Evolution within the altricial precocial spectrum." Oxford University Press, New York, 1998.
  3. ^ J. del Hoyo, A. Elliott e J. Sargatal, Handbook of the Birds of the World. Volume 2: New World Vultures to Guineafowl, Lynx Edicions, 1994, ISBN 84-87334-15-6.
  4. ^ a b Steadman D., (2006). Extinction and Biogeography in Tropical Pacific Birds, University of Chicago Press. ISBN 978-0-226-77142-7
  5. ^ a b Starck, J. M. & Sutter, E. (2000) Patterns of growth and heterochrony in moundbuilders (Megapodiidae) and fowl (Phasianidae). J. Avian Biol. 31:527-547
  6. ^ a b Ann Göth, Booth, David T., Temperature-dependent sex ratio in a bird in Biology Letters, vol. 1, 22 marzo 2005, pp. 31–33, DOI:10.1098/rsbl.2004.0247, PMC 1629050, PMID 17148121. URL consultato il 1º settembre 2012.
  7. ^ Göth, A., & Evans, C. S. (2004). Social responses without early experience: Australian brush-turkey chicks use specific visual cues to aggregate with conspecifics. Journal of Experimental Biology, 207, 2199-2208. DOI: 10.1242/jeb.01008
  8. ^ Birks, S. M., and S. V. Edwards. 2002. A phylogeny of the megapodes (Aves: Megapodiidae) based on nuclear and mitochondrial DNA sequences. Molecular Phylogenetics and Evolution 23: 408-421.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli