Cotta (liturgia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cotta di stile romano indossata da un seminarista.

La cotta è un paramento liturgico, da non confondersi con il rocchetto, consistente in una veste bianca indossata dal clero e dai ministranti nelle celebrazioni.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Facilmente riconoscibile dal suo collo quadro, è molto simile al camice; tuttavia, mentre il camice copre tutto il corpo raggiungendo le caviglie, la cotta "si ferma" alle ginocchia. Il tessuto scende perpendicolarmente al corpo, provvisto, sulle parti anteriori e posteriori, di pieghe verticali. Anche ad essa, come per il camice, possono essere applicati ricami di ogni genere. Le cotte più semplici possono avere ricami più modesti o semplici simboli religiosi.

Utilizzo[modifica | modifica sorgente]

La cotta, indossata sull'abito talare, costituisce l'abito corale del clero. La cotta viene indossata dal clero in tutte le celebrazioni liturgiche, fatta eccezione della messa (in questo caso i diaconi, i presbiteri o i vescovi celebranti devono obbligatoriamente indossare il camice). Se durante la celebrazione della messa è presente un ministro ordinato che indossa la cotta, significa che questi non sta celebrando o concelebrando ma semplicemente assistendo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voce "Cotta" da cathopedia.it

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo