Celso Cesare Moreno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Celso Cesare Moreno.jpg

Capitano Celso Cesare Moreno (Dogliani, 1831Washington, 1901) è stato un politico italiano, fu deputato alla camera dei Rappresentanti USA e governò le Hawaii.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di una famiglia contadina, fece i suoi studi a Genova e si diplomò all'Accademia militare nel 1855, uscendone con il grado di capitano. Quindi fu comandante di navi lungo le rotte orientali, lungo le quali incontrò Giuseppe Garibaldi. Nei suoi contatti con i popoli orientali conobbe e sposò la figlia del sultano di Sumatra. A Firenze conobbe il re Vittorio Emanuele II al quale propose di occupare l'isola Creò in Cina e l'isola di Sumatra sottraendola pertanto alle mire degli olandesi e aprendo al giovane Regno d'Italia i commerci con l'Oriente. Nonostante la proposta fosse piaciuta al re e ad alcuni ministri, tra cui Manerba, de Pretis, Cesare Correnti, l'operazione non andò in porto e qualche anno dopo gli olandesi conquistarono Sumatra. Contro gli olandesi combatté prima di rifugiarsi nel Tonchino dove fu al servizio della Francia. Fu in Cina dove organizzò la prima compagnia di navi a vapore battente bandiera cinese. Fino al 1891 fu nelle isole Hawaii, allora regno indipendente, sotto il regno di Kalakaua I ricoprì svariati incarichi politici, da primo ministro a ministro degli Esteri. Divenne in seguito deputato al Congresso americano, fece approvare una legge, «The Moreno Bill», con cui si sanzionava la tratta e lo sfruttamento dei bambini e ragazzi immigrati italiani. Morì nel 1901 a Washington. Il locale quotidiano, Washington Post annunciò la notizia definendolo come Citizen of The World (Cittadino del mondo).