Castello di Dunnottar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 56°56′46″N 2°11′45″W / 56.946111°N 2.195833°W56.946111; -2.195833

Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox struttura militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Castello di Dunnottar

Il castello di Dunnottar si trova lungo una strada secondaria, a circa due chilometri da Stonehaven sulla costa orientale della Scozia. È situato su una penisola a picco sul Mare del Nord, collegata alla terra ferma soltanto da un piccolo istmo.

Il forte gode di una posizione difensiva straordinaria: si erge infatti su uno sperone roccioso a picco sul mare, a circa cinquanta metri d'altezza, l'unica via d'accesso dalla terra ferma è uno stretto sentiero in pendenza che si snoda lungo la roccia. Dopo il varco d'ingresso, un viottolo sterrato conduce ad un punto panoramico d'eccezione. Lo sperone isolato di roccia nera su cui sorge il castello, si staglia sulle scogliere a strapiombo della circostante Tornyhive Bay. Un camminamento in discesa, reso agevole da gradini, porta al livello della scogliera, dopodiché un breve e ripido sentiero sale all'area monumentale. I vari edifici, alcuni riconoscibili nelle loro originarie funzioni, come il mastio, altri ridotti a ruderi, sono disseminati su un prato esteso intorno a una corte quadrangolare e lasciano immaginare le ampie dimensione della roccaforte. In realtà queste costruzioni sparse qua e là, non hanno mai costituito un castello vero a proprio, ma piuttosto una sorta di cittadella fortificata che, attraversando secoli di storia scozzese, è stata teatro di molte vicende sanguinose, ma le sue origini sono tuttora oscure.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Le prime menzioni del forte risalgono agli Annali di Ulster nei quali si parla di un assedio avvenuto a Duin Foither nel 681. In seguito una battaglia avvenuta intorno al 900 tra re Donald II e i vichinghi, rompe un altro lungo periodo di silenzio storico. Si deve ringraziare Guglielmo I di Scozia, detto il Leone, che usò il castello come centro amministrativo, se a partire dal XII secolo si hanno riferimenti storici frequenti e attendibili.

La struttura originaria in argilla e legno dovrebbe risalire al XII secolo, probabile però che una roccaforte esistesse già e che fosse stata costruita dai Pitti. A quel periodo infatti, dovrebbe risalire la cappella costruita dopo la conversione della famiglia al cristianesimo. Nel 1276 la cappella divenne chiesa, anche se ebbe breve durata. Nel 1296, Edoardo I d'Inghilterra conquistò il forte, ma già l'anno seguente William Wallace riprese Dunnottar dando fuoco alla chiesa, all'originario castello in legno e all'esercito inglese che vi si nascondeva all'interno.

Nel XIV secolo il castello venne acquisito dalla famiglia dei Keith. Nel 1392 sir William Keith consapevole dell'importanza difensiva del sito, decise di erigere un castello sul promontorio sostituendo tutte le fortificazioni originarie in legno con costruzioni in pietra. Una nuova chiesa, più accessibile ai fedeli, venne eretta nei pressi di Stonehaven, mentre l'originale presente all'interno del forte, venne trasformata in cappella privata della nobile famiglia, tutto intorno sorsero alloggi abitabili, stalle, caserme e magazzini. Le strutture più imponenti rimangono tuttora il mastio, o torre a "L", e la sala da ballo, tra le più grandi di tutta la Scozia, lunga ben 35 metri. Dunnottar divenne una delle fortezze più importanti del Regno scozzese e i Keith, divenuti ora Earl Marischals, dovevano ora sovrintendere a tutte le cerimonie di corte e custodire i gioielli della corona scozzese, gli Honours of Scotland. Questo periodo storico vede Dunnottar ai massimi splendori, ma due eventi tragici lo renderanno ancora più famoso nella storia della Scozia.

Nel 1652, infatti, il forte rimase l'unico baluardo contro l'avanzata inglese sotto la guida di Oliver Cromwell, deciso a conquistare il castello che custodiva i gioielli della corona e le carte private di Carlo II, portate via dal castello di Edimburgo. Dunnottar sembrava inespugnabile, ma quando i cannoni inglesi iniziarono a colpire le costruzioni principali, i 70 uomini di guardia al castello, si arresero. La storia narra che gli uomini di Oliver Cromwell rimasero comunque stupefatti per l'assenza di ciò che cercavano, le carte del re erano sparite, saggiamente nascoste sotto le vesti di una donna del villaggio, mentre i gioielli, con un espediente simile, furono nascosti sotto il pavimento della chiesa di Kinneff.

L'anno più buio della storia del castello doveva ancora arrivare. Nel 1685, in un sotterraneo buio e senz'aria ma ancora in buono stato con una sola piccola finestra che si affaccia sul mare (il whings vault dungeon), vennero rinchiusi, torturati e uccisi 167 covenantes (122 uomini e 45 donne), fautoria dell'autonomia religiosa della Scozia, colpevoli di non aver riconosciuto l'autonomia del re in ambito ecclesiastico. Molti morirono di fame e malattia, altri deportati nelle Indie Occidentali, altri ancora uccisi mentre cercavano di fuggire.

Il castello era giunto a una fine prevista. Nel 1715 il decimo Conte Maresciallo, prese parte all'insurrezione giacobita e fu condannato per tradimento, i suoi possedimenti confiscati e il castello smantellato. L'antica fortezza che per oltre 400 anni aveva resistito a ribellioni e assedi venne presa dai soldati della nuova dinastia e ridotta in polvere, solo nel 1925 i nuovi proprietari, i visconti di Cowdray, avviano l'opera di restauro del vecchio maniero. Oggi il forte si presenta quasi tutto in rovina, ma grazie agli scorci offerti da mura, archi, bastioni e sottopassi, resta una delle fortezze più scenografiche di tutta la Scozia.

Nel castello di Dunnottar Franco Zeffirelli ha ambientato la trasposizione cinematografica dell'Amleto (1990), film che vede come protagonisti tra gli altri Mel Gibson e Glenn Close.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito