Carolee Schneemann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Carolee Schneemann (Fox Chase, 12 ottobre 1939) è un'artista e pittrice statunitense, attiva nel campo della performance art e del video.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È conosciuta per il suo lavoro sul corpo, sulla sessualità e sul genere. Il suo lavoro si caratterizza per la ricerca nella tradizione visiva riguardante i taboo e il corpo dell’individuo in relazione con i corpi sociali.

Il suo lavoro è stato esposto al Los Angeles Museum of Contemporary Art, al New York Museum of Modern Art, e al London National Film Theatre. La Schneemann ha insegnato in varie università, incluso il California Institute of the Arts, la School of the Art Institute of Chicago, l’Hunter College e la Rutgers University, dove è stata la prima donna artista docente.

I lavori della Schneemann sono associati con una varietà di classificazioni e movimenti, come Fluxus, Neo-Dada, la Beat Generation e l’happening.[1]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Eye Body: 36 Transformative Actions (1963)
  • Meat Joy (1964)
  • Viet Flakes (1965)
  • Autobiographical Trilogy
    • Fuses (1964-67)
    • Plumb Line (1968-71)
    • Kitch's Last Meal (1973-78)
  • Up to and Including Her Limits (1973-76)
  • Interior Scroll (1975)
  • Fresh Blood: A Dream Morphology (1981)
  • Infinity Kisses (1981-88)
  • Hand/Heart for Ana Mendieta (1986)
  • Venus Vectors (1986-88)
  • Vesper's Pool (1987-88)
  • Cycladic Imprints (1990)
  • Ask the Goddess (1991)
  • Mortal Coils (1994)
  • Vulva's Morphia (1995)
  • More Wrong Things (2001)
  • Terminal Velocity (2001)
  • Devour (2007)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Robert C. Morgan, Carolee Schneemann: The Politics of Eroticism in Art Journal, vol. 56, nº 4, Winter 1997, pp. pp. 97-100.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cezanne, She Was A Great Painter (1976)
  • More Than Meat Joy: Performance Works and Selected Writings (1979, 1997)
  • Early and Recent Work (1983)
  • Imaging Her Erotics: Essays, Interviews, Projects (2001)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 93535716 LCCN: n78043895