Carlo Ignazio Giulio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Carlo Ignazio Giulio
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Carlo Ignazio Giulio
Luogo nascita Torino
Data nascita 11 agosto 1803
Luogo morte Torino
Data morte 29 giugno 1859
Titolo di studio Laurea in matematica ed idraulica teorica e sperimentale
Professione docente universitario
Legislatura I legislatura del Regno di Sardegna
Data 3 aprile 1848
Incarichi parlamentari

Cariche:

  • Segretario (31 luglio-20 novembre 1849) (24 dicembre 1849-21 novembre 1853) (21 dicembre 1853-16 luglio 1857) (17 dicembre 1857-21 gennaio 1860)

Commissioni:

  • Membro della Commissione di agricoltura e commercio (7 agosto-20 novembre 1849) (27 novembre 1850-27 febbraio 1852) (9 marzo 1852-21 novembre 1853) (21 dicembre 1853-29 maggio 1855) (13 dicembre 1855-16 giugno 1856)
  • Membro della Commissione di finanze (2 gennaio-19 novembre 1850) (5 febbraio 1851-27 febbraio 1852) (9 marzo 1852-21 novembre 1853) (21 dicembre 1853-29 maggio 1855) (23 novembre 1855-16 giugno 1856) (12 gennaio-16 luglio 1857) (19 gennaio-14 luglio 1858) (19 gennaio 1859-21 gennaio 1860)
  • Membro della Commissione incaricata dell'esame dei progetti di legge di approvazione dei trattati di commercio con il Belgio e con l'Inghilterra (23 aprile 1851)
Pagina istituzionale

Carlo Ignazio Giulio (Torino, 11 agosto 1803Torino, 29 giugno 1859) è stato un matematico e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lauretosi in Matematica e Idraulica teorica e sperimentale nel 1823 a Torino, fu dal 1828 professore di Meccanica razionale.

Fu senatore del Regno di Sardegna dalla I legislatura alla morte, avvenuta durante la VI legislatura

Incarichi di Governo[modifica | modifica wikitesto]

  • Regno di Sardegna post 04 marzo 1848 - Regno d'Italia:
    • Primo ufficiale della Segreteria di Stato per i lavori pubblici, agricoltura e commercio, poi ministero dei lavori pubblici (16 marzo 1848-23 gennaio 1849)

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Quattro lezioni sul sistema metrico decimale, G. Pomba, 1846
  • Elementi di cinematica applicata alle arti, Stamperia Reale, 1854

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 31 dicembre 1846
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 20 luglio 1848
Cavaliere dell'Ordine civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine civile di Savoia
— 31 dicembre 1846
Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)

Alla memoria[modifica | modifica wikitesto]

La città di Torino gli ha dedicato una via.