Cardiocondyla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cardiocondyla
Cardiocondyla emeryi casent0125674 profile 1.jpg
Cardiocondyla emeryi Forel, 1881
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Aculeata
Superfamiglia Vespoidea
Famiglia Formicidae
Sottofamiglia Myrmicinae
Tribù Formicoxenini
Genere Cardiocondyla
Emery, 1869
Specie

vedi testo

Cardiocondyla Emery, 1869 è un genere di formiche della sottofamiglia Myrmicinae.[1]

Biologia[modifica | modifica sorgente]

In alcune specie di questo genere frequentemente poliginico, si nota un polimorfismo dei maschi, con individui alati e individui atteri ("ergatoidi"). Mentre gli individui alati si disperdono per accoppiarsi, quelli atteri usano le loro forti mandibole per eliminare gli altri maschi. Inoltre, sempre gli individui atteri, una volta usciti dalla colonia difendono il territorio contro gli altri maschi.[2]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Genere a distribuzione cosmopolita in seguito a introduzioni accidentali. Nativamente è presente in Europa, Asia, Africa e Oceania.
In Italia sono presenti solo Cardiocondyla elegans e Cardiocondyla mauritanica.[1]

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il genere è composto da 68 specie e 2 sottospecie:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Cardiocondyla in AntWeb. URL consultato il 22 Maggio 2013.
  2. ^ S. Frohschammer, J. Heinze, Male fighting and “territoriality” within colonies of the ant Cardiocondyla venustula in Naturwissenschaften, vol. 96, 2009, pp. 159-163, DOI:10.1007/s00114-008-0460-2.
  3. ^ B. Seifert & S. Frohschammer, Cardiocondyla pirata sp. n. – a new Philippine ant with enigmatic pigmentation pattern (Hymenoptera, Formicidae) in ZooKeys, vol. 301, 2013, pp. 13-24, DOI:10.3897/zookeys.301.4913.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi