Caravan Palace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caravan Palace
Ottawa Bluesfest 2010
Ottawa Bluesfest 2010
Paese d'origine Francia Francia
(Parigi)
Genere Electro[1]
Swing[2]
Jazz manouche
Acid jazz
Periodo di attività 2008 – in attività
Etichetta Wagram Music
Album pubblicati 2
Studio 2
Sito web

Caravan Palace è un gruppo musicale di genere electro/swing francese, formatosi nel febbraio del 2005. Il loro primo album, che ha avuto particolarmente successo in Francia arrivando all'undicesimo posto degli album più venduti e rimanendo in classifica per 55 settimane,[3][4] è uscito nell'ottobre 2008 con l'etichetta Wagram Music e ha avuto una realizzazione internazionale, venendo pubblicato fino in Belgio e Svizzera. Il gruppo si dichiara inoltre apertamente influenzato dalla musica di Django Reinhardt, Daft Punk, Billie Holiday, Vitalic, e Cab Calloway.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In principio, quelli che sarebbero poi stati il nucleo iniziale della band, erano tre giovani uniti semplicemente da una passione comune per la musica swing-jazz. Ognuno abile nel suonare uno strumento differente, Hugues nel violino, Arnaud con la chitarra e Carlos con il contrabbasso, hanno la possibilità di mettersi alla prova, quando gli viene richiesto, da una produzione televisiva, di creare una "colonna sonora" per un film pornografico muto degli anni '20. Nonostante la singolarità dell'incarico il risultato piace. L'idea di mescolare sonorità più moderne proprie della musica electro o house alla musica jazz manouche viene accolta positivamente. Ciò li stimola a intraprendere seriamente un progetto musicale[5][6].

Nei primi due anni di vita il gruppo registra numerosi pezzi e crea ancora piccole colonne sonore (come avviene per uno spot della adidas, trasmesso però a livello locale[7]) ma, nonostante l'idea inizialmente fosse appunto quella di concentrarsi verso una produzione realizzata esclusivamente in studio, i tre giovani musicisti ebbero presto l'occasione di esibirsi in pubblico. Fu in questo momento che, per venire incontro alle loro nuove esigenze, il gruppo decise di creare una pagina sul noto sito MySpace. In questo modo ebbe la possibilità di accrescere notevolmente la propria popolarità e inoltre conobbe i nuovi membri della band: Chapi (clarinetto), Toustou (trombone e sintetizzatore) e Colotis Zoé (voce). A questo punto la band è al completo, la loro musica ha talmente successo che si ebiscono in numerosi festival della Francia, ancor prima di aver pubblicato il loro album, uscito infine nel 2008. Il disco in questione, che prende appunto il nome del gruppo, ha avuto un ottimo successo arrivando addirittura all undicesimo posto degli album più venduti in Francia nella prima settimana di agosto del 2009[8], ed è stato pubblicato in seguito anche in edizione limitata in formato vinile[9].

Il 3 ottobre 2011 hanno pubblicato il singolo Clash, con due nuove canzoni e quattro remix. Il 5 maggio 2012 esce il loro nuovo album studio Panic, composto da quattordici brani, tra cui i due titoli del precedente singolo.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album Studio[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dario Pinelli Italian Trio, Caravan Palace e Shazalakazoo. URL consultato il 05-09-2009.
  2. ^ (EN) Caravan Palace su Allmusic.com (consultato in data 05-09-2009)
  3. ^ Acharts.us. URL consultato il 12-10-2009.
  4. ^ (EN) Caravan Palace su Billboard.com (consultato in data 05-09-2009)
  5. ^ (FR) Bio de Caravan Palace selon Remy Kolpa Kopoul dal blog di Caravan Palace (consultato in data 12-09-2009)
  6. ^ (FR) Caravan Palace interview de Bamboo-music da Dailymotion.com (consultato in data 12-09-2009)
  7. ^ Secret du style - Adidas da YouTube.com (consultato in data 12-09-2009)
  8. ^ (FR) Le classement album nouveautés - Semaine du 03/08/2009 au 09/08/2009 da Disque en France.com (consultato in data 12-09-2009)
  9. ^ (FR) Le Vynil est arrivé! dal blog di Caravan Palace (consultato in data 05-09-2009)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]