Canale di Kra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thai Canal map-de.jpg

Il canale di Kra (o canale thailandese) è un canale per ora ancora in progettazione che dovrebbe passare attraverso l'istmo di Kra, collegando il Mar delle Andamane al Golfo di Thailandia.

La presenza della penisola malese allunga considerevolmente le rotte delle navi dirette in Estremo oriente e già nel 1677 il re thailandese Narai il Grande interrogò l'ingegnere francese de Lamar sulla possibilità di scavare un canale che collegasse le città di Songkhla e Marid (oggi in Myanmar). La costruzione del canale, tuttavia, fu giudicata troppo ardua per i mezzi disponibili all'epoca.

Nel 1793, l'idea di un canale che tagliasse l'istmo di Kra tornò attuale quando il fratello minore di Rama I osservò che sarebbe stato più comodo per mandare tempestivamente delle navi da guerra in difesa delle popolazioni sul lato occidentale dell'istmo.

Nel XVIII secolo, anche la Compagnia inglese delle Indie Orientali fece pressioni per la costruzione del canale. Dopo la conquista della Birmania nel 1863, la città di Kawthaung divenne il punto più meridionale del Paese, situata sull'estuario del fiume Kra: furono mandate varie compagnie a investigare sull'effettiva realizzabilità del canale, ma sempre con esiti negativi.

Nel 1882, Ferdinand de Lesseps (costruttore del canale di Suez) visitò l'area, ma il re siamese gli impedì di fare studi approfonditi: nel 1897 fu finalmente raggiunto un accordo fra il Regno Unito e il Siam per impedire la costruzione di un canale sull'istmo, che avrebbe intaccato l'importanza economico-strategica del porto di Singapore, a quel tempo in mano ai britannici.

Nel XX secolo l'idea del canale riemerse, stavolta non più collocato sull'istmo di Kra, ma nel sud della Thailandia, in territorio totalmente thailandese e non condiviso con la Birmania. L'area fra Surat Thani a est e Phangnga a ovest fu giudicata la più adatta per iniziare le operazioni di scavo: un progetto giapponese del 1985 prevedeva l'utilizzo di testate nucleari.

L'ultimo sito di scavo proposto prevede un canale che attraversi le province di Nakhon Si Thammarat e Trang: tale canale porterebbe un grande sviluppo economico nell'area, emarginando tuttavia i porti della penisola malese, come Port Klang e Singapore.

Nel 2005 la Cina ha reso pubbliche le sue intenzioni di costruire in 10 anni un canale che attraversi l'istmo di Kra, utilizzando 30.000 lavoratori.