Campagna di Yorktown

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campagna di Yorktown
“La resa di Lord Cornwallis” di John Trumbull, 1820
“La resa di Lord Cornwallis” di John Trumbull, 1820
Data giugno gennaio-ottobre 1781
Luogo Virginia
Esito Decisiva vittoria franco-americana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
15.000 soldati, 150 cannoni, 36 navi, 20-22.00 marinai 14.000 soldati, 25 navi
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La campagna di Yorktown (a volte detta campagna della Viginia) – alla quale parteciparono anche unità navali e terresti francesi - è stata un’operazione militare durante la guerra d'indipendenza americana che culminò con il decisivo assedio di Yorktown dell’ottobre 1781 a seguito del quale l’esercito britannico guidato da Lord Cornwallissi arrese.

La campagna[modifica | modifica wikitesto]

Tra il gennaio e l’aprile 1781 nuove truppe britanniche arrivarono in Virginia unendosi all’armata di Lord Cornwallis. George Washington ordinò prima al marchese de la Fayette e poi ad Anthony Wayne di attaccare i britannici per impedire che queste potessero effettuare dei raid e rifornirsi.

Nel luglio Cornwallis, su ordine del generale Sir Henry Clinton mosse verso Yorktown e lì costruì una linea difensiva inespugnabile via terra ma vulnerabile ad un blocco navale.

Dopo una serie di operazioni minori, la flotta francese dell’ammiraglio de Grasse riuscì a prendere il controllo della baia di Chesapeake impedendo che a Cornwallis giungessero rinforzi via mare. La flotta britannica cercò di rompere il blocco ma l’ammiraglio Sir Thomas Graves venne sconfitto nella decisiva battaglia del Chesapeake del 5 settembre 1781.

A seguito di questo successo, le forze franco-americane ammassate nei pressi di New York mossero verso sud e a metà settembre arrivarono a Yorktown assediando la città.

Ben presto Corwallis si rese conto di non poter resistere all’assedio e il 19 ottobre si arrese.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Quando la notizia della resa di Lord Corwallis giunse a Londra il governo di Lord North cadde e il successivo esecutivo guidato dal marchese di Rockingham intavolò delle trattative di pace che portarono al trattato di Parigi del 1783 con il quale re Giorgio III riconosceva l’indipendenza degli Stati Uniti.

References[modifica | modifica wikitesto]