Brodequin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brodequin
Paese d'origine Stati Uniti Stati Uniti
Genere Death metal
Brutal death metal[1]
Periodo di attività 1998 – in attività
Etichetta Unmatched Brutality Records
Album pubblicati 3
Studio 3
Sito web

I Brodequin sono un gruppo musicale brutal death metal di Knoxville, Tennessee, nato nella seconda metà degli anni novanta.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

I Brodequin, il cui nome deriva da uno strumento di tortura usato nel medioevo e disegnato per fracassare le gambe del malcapitato, vengono fondati verso la fine del 1998 dai fratelli Mike e Jamie Bailey (rispettivamente chitarra/percussioni e basso/voce) con il batterista Chad Walls. In quell'anno realizzarono il primo demo, per poi pubblicare due anni più tardi il primo album in studio Instruments of Torture che verrà poco dopo ristampato prima dalla Ablated Records e poi dalla Unmatched Brutality Records. Nel 2002 uscì Festival of Death, dopo le registrazioni del quale Walls venne sostituito da Jon Engman, proveniente dai Foetopsy. Nel 2003, il gruppo pubblicò l'EP Prelude to Execution, mentre l'anno successivo uscì il terzo album Methods of Execution

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

La musica dei Brodequin sarà caratterizzata da un "wall of sound" di chitarre opprimente combinato con onnipresenti blast beats di batteria e voce gutturale. Così come i connazionali Disgorge, daranno il via all'estremizzazione del sound lanciato dai Suffocation e dai Cannibal Corpse. I testi composti dal frontman Jamie Bayley presentano tematiche relative alla morte, torture, smembramenti, omicidi e agli abusi sessuali, tutte raccontate in maniera realistica e riferendosi a fatti storici realmente accaduti.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Attuale
Ex componenti

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP e split EP[modifica | modifica wikitesto]

Demo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda, metal-archives.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal