Bienne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biel/Bienne
comune
Biel/Bienne – Stemma
Biel/Bienne – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Bern matt.svg Berna
Distretto Biel/Bienne
Amministrazione
Lingue ufficiali tedesco (60%) francese (40%)
Territorio
Coordinate 47°08′N 7°15′E / 47.133333°N 7.25°E47.133333; 7.25 (Biel/Bienne)Coordinate: 47°08′N 7°15′E / 47.133333°N 7.25°E47.133333; 7.25 (Biel/Bienne)
Altitudine 434 m s.l.m.
Superficie 21,21 km²
Abitanti 51 203 (2010)
Densità 2 414,1 ab./km²
Frazioni Bözingen, Mett, Vingelz
Comuni confinanti Brügg, Ipsach, Leubringen/Magglingen (Evilard/Macolin), Nidau, Orpund, Orvin, Pieterlen, Port, Safnern, Tüscherz-Alfermée, Vauffelin
Altre informazioni
Cod. postale 2501 a 2510
Prefisso 032
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 371
Targa BE
Nome abitanti biennesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Biel/Bienne
Biel/Bienne – Mappa
Sito istituzionale

Bienne (dal 1º gennaio 2005 il nome ufficiale è Biel/Bienne, in cui Biel è la denominazione in tedesco e Bienne quella in francese; in italiano è chiamata anche Bienna[1]) è la decima città della Svizzera per numero di abitanti ed è la città elvetica bilingue più popolosa (40% di francofoni e 60% di germanofoni), a cavallo della frontiera linguistica fra la Svizzera tedesca e quella francese.

Situata nel Canton Berna, ai piedi dei primi contrafforti della catena montuosa del Giura ed affacciata sull'estremità nordorientale del lago di Bienne, la città è il capoluogo del distretto di Bienne e della regione del Seeland. Dal 1968 vi si tiene annualmente il Torneo scacchistico internazionale di Biel, che è il torneo di scacchi più importante della Svizzera. Nel 2002 è stata una delle città organizzatrici dell'esposizione nazionale EXPO.02 con le città di Neuchâtel, Yverdon e Morat.

Dal 2007 la città è gemellata con il comune italiano di Pachino.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2004 riceve il Premio Wakker (Prix Wakker) per i miglioramenti urbanistici apportati alla città: «In questi ultimi dieci anni, la città di Bienne è riuscita a rivalorizzare i propri spazi pubblici e un patrimonio edificatorio unico ereditato dal XX secolo ma trascurato a lungo. Sono state create diverse piazze e zone pedonali, mentre numerosi edifici del secolo scorso sono stati vincolati e ristrutturati. Grazie ai concorsi di architettura, la qualità estetica delle nuove costruzioni è nettamente migliorata. Le autorità comunali cercano di indirizzare attivamente l'evoluzione urbanistica con l'acquisizione di determinate aree e cedendone il diritto di superficie».[2]
  • Nel 2005 riceve il riconoscimento principale del Premio Bicicletta (Prix Vélo) per le infrastrutture a testimonianza di una politica tesa a favorire la sicurezza dei ciclisti.[3]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

La regione di Bienne e del Seeland, pur essendo una zona economica estremamente dinamica e multiculturale in cui si parlano tedesco e francese, rimane tuttavia legata alle proprie tradizioni, in particolare all'artigianato dei fabbricanti di orologi. Qui si producono orologi famosi in tutto il mondo come Swatch, Omega, Rado o Rolex. L'industria orologiera e, in parte, anche l'industria di precisione si sono concentrate in questo territorio grazie all'eccellente rete di produttori, fornitori e scuole specializzate.

La regione di Bienne e del Seeland ospita varie imprese svizzere come Feintool, Mikron e il Gruppo Swatch, ma anche numerose imprese estere come Harting, Festo, Movado Group, Fossil o La Montre Hermès. Inoltre, le sedi dell'Ufficio federale delle comunicazioni (Ministero delle comunicazioni) e di imprese come Orange, Sunrise, Swiss teletext TXT, Viasuisse, IXOS e SAP fanno di Bienne e del Seeland una roccaforte del comparto delle comunicazioni.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • La città vecchia e i suoi monumenti
  • Il "Pavillon Felseck", monumento di stile romano
  • La sorgente romana
  • Il "Faubourg du lac" e la sua architettura
  • La chiesa di stile gotico (città vecchia)

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Centre Pasquart - Centro di arte contemporanea
  • Photoforum Pasquart
  • Neuhaus - Un museo di arte e di storia da scoprire:
    • La storia dell'industria e dell'orologeria di Bienne
    • La vita borghese nel XIX secolo
    • Collezione cinematografica W. Piasio; Karl e Robert Walser, pittore e poeta;
    • Collezione Robert: acquarelli flora e fauna; ecc.
  • Schwab - Preistoria e archeologia
  • Omega - Orologi Omega e cronometraggio Omega
  • Centro Müller - Museo dell'industria

Persone legate a Bienne[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente agevolata nelle comunicazioni dalla presenza del lago, Bienne è servita dalla stazione di Biel/Bienne, nella quale fermano servizi passeggeri operati da SBB e BLS.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco ufficiale dei Comuni della Svizzera, edizione 2006, p. 271.
  2. ^ (FR) "Les Prix Wakker jusqu'à nos jours", sul sito dello Schweizer Heimatschutz, l'organizzazione che attribuisce il premio ogni anno.
  3. ^ (FR) "Prix Vélo Infrastructure - Liste des gagnants des années précédentes", sul sito della Pro Vélo Suisse, l'associazione che proprio dal 2005 attribuisce questo premio ogni due anni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]