Benitoite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Benitoite
Benitoite HD.jpg
Classificazione Strunz VIII/E.01-10
Formula chimica BaTiSi3O9
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino  
Sistema cristallino  
Classe di simmetria  
Parametri di cella  
Gruppo puntuale 6 m2
Gruppo spaziale P 6c2
Proprietà fisiche
Densità   g/cm³
Durezza (Mohs)  

6 - 6,5

Sfaldatura  
Frattura  
Colore  
Lucentezza  
Opacità  
Striscio  
Diffusione  
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La benitoite è un minerale appartenente al gruppo omonimo. La benitoite diventa fluorescente sotto ad una luce ultravioletta, apparendo di colore azzurro.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome deriva dalla località di San Benito in California

Abito cristallino[modifica | modifica sorgente]

L'abito più comune è quello piramidale, si possono anche trovare cristalli di benitoite tabulari di forma triangolare ma comunque non raggiungono mai grosse dimensioni (non superano i 5 cm). L'abito è il suo marchio distintivo, infatti, essendo in qualche modo molto particolare e diverso da quelli degli altri minerali e gemme.

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

La Benitoite si rinviene all'interno del serpentino, in seguito a cristallizzazione da soluzioni idrotermali particolarmente ricche di elementi particolari come il Bario e il Titanio (che formano poi una parte della molecola della Benitoite).

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Il nome deriva dalla località californiana San Benito dove questo minerale, nel 1906, venne rinvenuto per la prima volta da Couch. Inizialmente lo associò allo zaffiro ma Louderback nel 1907 lo smentì, provando che si trattava di una nuova specie di minerale. Il 1º ottobre del 1985 viene nominata dalla legislatura gemma ufficiale dello Stato della California.

Colore[modifica | modifica sorgente]

il colore più comune che riveste questo minerale è il blu ma possiamo trovarla anche giallo chiaro, azzurro, rosa, violaceo ed incolore. Alcuni cristalli possono essere zonati: si diminuisce la tonalità dal bordo al centro (blu→incolore). Ha fluorescenza blu alle radiazioni ultraviolette e ai raggi X.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia