Battaglia dell'Ebro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia dell’Ebro
Batalla Ebro.png
Mappa della Battaglia dell’Ebro
Data 25 luglio – 16 novembre 1938
Luogo Spagna
Esito Vittoria dei nazionalista.
Il territorio della Spagna repubblicana viene diviso in due.
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
80.000 90.000
Perdite
30.000 morti;
20.000 feriti;
6.500 morti;
30.000 feriti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia dell’Ebro (in spagnolo: Batalla del Ebro, in catalano: Batalla de l'Ebre) è stata la più lunga e sanguinosa battaglia della guerra civile spagnola. È stata combattuta tra il luglio ed il novembre del 1938 principalmente in due comarche catalane situate lungo il fiume Ebro: Terra Alta e Matarraña.

La battaglia si concluse con la disfatta delle forze repubblicane che non riuscirono a fermare l’avanzate delle truppe franchiste.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1938 dopo quasi due anni di guerra civile l’avanzata delle forze nazionaliste guidate da Francisco Franco aveva conquistato quasi tutto il Paese. Le truppe repubblicane, lacerate da divisioni ideologiche e dalle numerose sconfitte, tentavano di difendere le poche regioni ancora sotto il loro controllo in particolare la Catalogna e la Comunità valenzana.

Il 25 luglio 1938 le forze repubblicane comandate dal colonnello Juan Modesto lanciarono un’offensiva lungo il fiume Ebro cogliendo di sorpresa i nazionalisti ed avanzando verso la città di Gandesa (circa 25 km ad ovest del fiume).

I soldati repubblicani, tuttavia, non erano dotati di artiglieria pesante e, una volta attraversato il fiume, mancavano di sufficienti mezzi di trasporto. A differenza dei nazionalisti (che avevano ricevuto mezzi e uomini dalla Germania nazista e dall’Italia fascista), inoltre, non potevano contare su un supporto aereo.

Dopo un mese di combattimenti l’esito della battaglia e la vittoria dei franchisti era ormai scontata. Le forze repubblicane avevano subito ingenti perdite ma il primo ministro Juan Negrín, di fronte alla prospettiva di una completa disfatta, ordinò di resistere.

Lo scontro si trasformò pertanto in una guerra di trincea e, alla lunga, la superiorità di uomini e armamenti dei nazionalisti risultò decisiva.

La fine della guerra civile spagnola[modifica | modifica wikitesto]

La sconfitta dell’esercito repubblicano sull’Ebro segnò, de facto l’inizio della fine della guerra civile spagnola. I combattimenti proseguirono fino all’aprile 1939 ma la sorte del conflitto era ormai senza dubbio a favore di Franco.

La Battaglia dell’Ebro è stata l’ultima combattuta dalle Brigate Internazionali che, dopo l’ordine del Comitato per il Non Intervento, furono sciolte.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Thomas, Hugh. The Spanish Civil War. Penguin Books. 2001. London. p.813
  • Beevor, Antony. The battle for Spain. The Spanish Civil War 1936-1939. Penguin Books. London. 2006. p.350
  • Jackson, Gabriel. The Spanish Republic and the Civil War, 1931-1939. Princeton University Press. Princeton. 1967. p. 528
  • Preston, Paul. The Spanish Civil War. Reaction, Revolution & Revenge. Harper Perennial. London. 2006. p.291
  • The Ebro 1938; Death knell of the Republic. Author: Chris Henry. Osprey Campaign Series #60. Osprey Publishing (1999). Consultant Editor: David G. Chandler. ISBN 1-85532-738-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]