Bartholomeus van Bassen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bartholomeus van Bassen (Anversa, 1590L'Aia, 28 novembre 1652) è stato un architetto, pittore e disegnatore olandese appartenente alla Scuola dell'Olanda settentrionale[1]. Fu uno dei più importanti pittori di architetture del XVII secolo[2]..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La tomba di Guglielmo il Taciturno in una cattedrale immaginaria (1620)
Interno rinascimentale con convitati (1618-1620)

Si conosce poco del primo periodo della vita di quest'artista, in particolare non è noto dove svolse il suo apprendistato[2].

Dal 1613 al 1622 operò a Delft, dove entrò a far parte della Corporazione di San Luca il 21 ottobre 1613[1].

Trasferitosi all'Aia nel 1622, divenne membro della Corporazione di San Luca di quella città[1], decano nel 1627 e presidente nel 1636[3].

Il 25 gennaio 1624 si sposò con Aeltje Pietersdr. van Gilst[3].

Come architetto, si occupò della costruzione della Huis Honselarsdijk[1] e del palazzo Ter Nieuburch su commissione di Federico Enrico d'Orange dal 1629 al 1634[2]. Negli anni 1630-1631 lavorò alla ristrutturazione del monastero di Sant'Agnese a Rhenen, che Federico V Elettore Palatino volle trasformare nella sua residenza[2]. Nel 1638 fu nominato architetto della città[1]. Seguì, inoltre, il restauro del municipio, e, a partire dal 1649, la costruzione della Nieuwe Kerk (Briels)[1].

Nel 1651 suo figlio Aernout, avvocato presso la Corte d'Olanda, sposò la figlia Adriana del pittore Cornelis van Poelenburch[2][3]. Il 13 aprile 1652 morì sua moglie[3].

Continuò ad operare all'Aia fino alla morte avvenuta nel 1652[1], pochi mesi dopo quella della moglie. Fu sepolto il 28 novembre nella Groote Kerk all'Aia[3].

Oltre all'architettura, si dedicò anche alla pittura, in particolare eseguì ritratti e rappresentazioni di genere aventi come soggetto costruzioni architettoniche[1][4], realizzate con uno stile molto dettagliato ed attento ai particolari, alla stregua dei pittori fiamminghi Hans Vredeman de Vries, Hendrik van Steenwijck I e Pieter Neefs I, ma con un utilizzo di effetti di luce che rendono più realistici gli interni di van Bassen. Rappresentò sia chiese e cattedrali[5], che palazzi sontuosi, riccamente decorati e popolati da allegri convitati, con un intento a volte moralistico nella contrapposizione tra i comportamenti dei vari ospiti[6]. Eseguì anche opere di piccole dimensioni con uno stile simile a quello di Cornelis van Poelenburch[4].

Lavorò in collaborazione con altri artisti, come Frans Francken II[7], Anthonie Palamedes, Jan Martszen il Giovane ed Esaias van de Velde, che dipingevano le figure nelle sue architetture[1].

Alla sua scuola si formarono vari allievi, fra cui Gerard Houckgeest e Jan van der Vucht[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j Rijksbureau voor Kunsthistorische Documentatie
  2. ^ a b c d e f Biografia tratta dalla Web Gallery of Art
  3. ^ a b c d e Nieuw Nederlandsch Biografisch Woordenboek (NNBW)
  4. ^ a b c d The picture collector's manual: being a dictionary of painters
  5. ^ a b Interno di una cattedrale gotica - Web gallery of Art
  6. ^ a b Interno rinascimentale con convitati - Web gallery of Art
  7. ^ Handbook of painting: The German, Flemish, and Dutch schools
  8. ^ Interno di una cattedrale gotica - Web gallery of Art
  9. ^ Interno della chiesa di Cunera a Rhenen - Web gallery of Art
  10. ^ Gruppo di persone in un interno - Web gallery of Art

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 71668372 LCCN: nr91035277