Barrerite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barrerite
Barrerite-91257.jpg
Classificazione Strunz (ed. 10) 9.GE.15
Formula chimica Na8(Si28Al8)O72·26H2O
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino trimetrico
Sistema cristallino ortorombico
Classe di simmetria bipiramidale
Parametri di cella a=13,643(2), b=18,200(3), c=17,842(3), V=4430, Z=8[1]
Gruppo puntuale mmm
Gruppo spaziale Amma
Proprietà fisiche
Densità 2,3 g/cm³
Durezza (Mohs)
Sfaldatura  
Frattura  
Colore bianco, rosa
Lucentezza vitrea
Opacità trasparente, traslucida
Striscio bianco
Diffusione  
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La barrerite è un minerale del gruppo delle zeoliti scoperto nel 1974 a Capo di Pula in Sardegna. Il nome è stato attribuito in onore del chimico neozelandese Richard Maling Barrer (1910-1996).[2]

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

La barrerite ha la stessa struttura topologica della stilbite e della stellerite. Si presenta in cristalli piatti e tabulari.

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

La barrerite è stata trovata sulle pareti di grandi fratture profondamente alterate di lava andesitica e riolitica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Ermanno Galli, Alberti Alberto, The crystal structure of barrerite in Bulletin de la Société Française de Minéralogie et de Cristallographie, vol. 98, 1975, pp. 331-340. URL consultato il 14 agosto 2012.
  2. ^ (EN) E. Passaglia, Barrerite, a new natural zeolite in Mineralogical Magazine, vol. 40, giugno 1975, pp. 208-208. URL consultato il 14 agosto 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia