Ballate fra il cielo e il mare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ballate fra il cielo e il mare
Artista Stadio
Tipo album Raccolta
Pubblicazione settembre 1998
Durata 76 min : 43 s
Dischi 1
Tracce 16
Genere Pop rock
Pop
Etichetta EMI Italiana
Produttore Stadio, Celso Valli
Arrangiamenti Celso Valli
(eccetto 6,12)
Registrazione Studio Fonoprint (BO)
Formati CD, download digitale
Certificazioni
Dischi di platino Italia Italia (1)[1]
(vendite: 60 000)
Stadio - cronologia
Album precedente
(1997)
Album successivo
(2000)
Singoli
  1. Lo zaino
    Pubblicato: 1999

Ballate fra il cielo e il mare è la quarta raccolta degli Stadio, pubblicata dalla EMI Italiana (catalogo 7243 4 96399 2) nel 1998[2][3][4].

Raggiunge la posizione numero 29 nella classifica italiana[5].

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Dal 4 settembre 2001 è disponibile per il download in formato digitale.

Contiene: il singolo Lo zaino, 3 inediti, brani con nuovi arrangiamenti e 2 canzoni tratte dall'album precedente. Eccetto queste ultime, tutti gli arrangiamenti sono di Celso Valli.

I brani[modifica | modifica sorgente]

  • Lo zaino - singolo
    Si classifica al 5º posto nella Sezione Campioni al Festival di Sanremo 1999 e viene subito aggiunto, come ultima traccia, in fondo alla raccolta. Sempre nel 1999, il 3 marzo, la raccolta è ristampata (catalogo EMI Italiana 7243 4 99666 2) con il brano all'inizio[6].
  • Muoio un po' - inedito
    Cover, con adattamento e testo italiano di Saverio Grandi, di Driving with the Brakes On, brano contenuto nell'album Twisted (1995)[7], del gruppo scozzese Del Amitri[8], di cui Justin Robert Currie, autore e compositore del pezzo, è fondatore.
  • Fra il cielo e il mare, Sembra quasi che non c'è - inediti

nuove esecuzioni (arrangiamenti Celso Valli):

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Gli autori del testo precedono i compositori della musica da cui sono separati con un trattino[9].
L'anno è quello di pubblicazione dell'album che contiene il brano.

  1. Muoio un po' – 4:38 (Saverio Grandi – Justin Currie) – Inedito
  2. Universi sommersi – 4:55 (Saverio Grandi – Bettina Baldassari, Gaetano Curreri)
  3. C'è – 5:18 (Luca CarboniFabio Liberatori)
  4. Fra il cielo e il mare – 5:00 (Bettina Baldassari – Bettina Baldassari, Gaetano Curreri) – Inedito
  5. Sembra quasi che non c'è – 4:49 (Bettina Baldassari – Bettina Baldassari, Gaetano Curreri) – Inedito
  6. Ti mando un bacio – 5:12 (Bettina Baldassari – Bettina Baldassari, Gaetano Curreri)1997
  7. Pelle a pelle – 5:06 (Luca CarboniBruno Mariani, Gaetano Curreri)
  8. Ballando al buio – 4:24 (Bettina Baldassari – Bettina Baldassari, Gaetano Curreri)
  9. Segreteria telefonica – 5:38 (Claudio Lolli – Gaetano Curreri)
  10. Vorrei – 5:11 (Luca Carboni, Lucio Dalla – Fabio Liberatori)
  11. Al tuo fianco – 4:07 (Saverio Grandi – Vasco Rossi, Andrea Fornili, Gaetano Curreri)
  12. Un volo d'amore – 4:57 (Bettina Baldassari – Bettina Baldassari, Gaetano Curreri)1997
  13. Che sarà di noi – 3:47 (Saverio Grandi – Beppe D'Onghia, Gaetano Curreri)
  14. Bella più che mai – 4:23 (Vasco Rossi – Gaetano Curreri)
  15. Vai vai – 5:21 (Saverio Grandi – Gaetano Curreri)
  16. Lo zaino – 3:57 (Vasco Rossi – Gaetano Curreri) – 1999

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Gruppo[modifica | modifica sorgente]

Altri musicisti[modifica | modifica sorgente]

In Segreteria telefonica:[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Daniele Mignardi, Scheda storia, Stadio, sito ufficiale. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  2. ^ Daniele Mignardi, Ballate fra il cielo e il mare: crediti album, Stadio, sito ufficiale. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  3. ^ a b Scheda album in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  4. ^ Discografia, dati formazione in Discografia Nazionale della Canzone Italiana, ICBSA. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  5. ^ Classifica album 1998, Hit Parade Italia. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  6. ^ Da immagini della retro copertina dei CD.
  7. ^ Twisted: recensione, scheda, Allmusic. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  8. ^ James Christopher Monger, Del Amitri: biografia, Allmusic. URL consultato il 14 gennaio 2014.
  9. ^ Autori e compositori in Archivio Opere Musicali, SIAE.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]