Azzurro (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Azzurro
Titolo originale Azzurro
Paese di produzione Italia
Anno 2000
Durata 83 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Denis Rabaglia
Soggetto Denis Rabaglia
Sceneggiatura Denis Rabaglia, Luca de Benedittis, Antoine Jaccoud
Fotografia Dominique Grosz
Montaggio Claudio Di Mauro
Effetti speciali Martin Gay
Musiche Louis Crelier
Scenografia Fabrizio Nicora
Interpreti e personaggi
Premi
  • Carrousel International du Film - Camerio Best actor
  • Carrousel International du Film- Camerio Best Actess
  • Namur International Festival of French-Speaking Film - Audience Award
  • Namur International Festival of French-Speaking Film - Golden Bayard
  • Swiss Film Prize -

Azzurro è un film di Denis Rabaglia del 2000, con Paolo Villaggio.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Azzurro è la storia di un nonno, Giuseppe (Paolo Villaggio), che dopo anni di lavoro in Svizzera torna nel Salento, dove trova la sua nipotina Carla (Francesca Pipoli), la quale è affetta da una grave malattia agli occhi. Colto da un infarto Giuseppe si prodigherà sempre di più per poter curare la nipote e farà ritorno in Svizzera per chiedere l'aiuto del suo ex datore di lavoro. In questo processo egli è costretto ad affrontare le questioni irrisolte del suo passato più segreto.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è coprodotto dalla Tv Svizzera "RSI" ed è girato in Puglia, in particolare a Porto Badisco (frazione di Otranto); a Poggiardo (si riconoscono il Largo della stazione; l'ospedale Pispico e la via Santa Caterina da Siena) e in altre località del Salento.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La Puglia di Azzurro è suggestiva e antica, la Svizzera rappresenta la speranza e il futuro per la piccola, ma anche il passato per il vecchio nonno: due mondi distanti che sono forzatamente uniti nella vita del protagonista.[1]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Premio del Cinema Svizzero 2001 per il Miglior Lungometraggio.
  • Film di Chiusura & Pardo d'Oro alla Carriera per Paolo Villaggio, LIII Festival internazionale del film di Locarno 2000, Svizzera.
  • Bayard d'Or della Migliore Sceneggiatura & Premio del Publico, XV Festival Internazionale del Film Francofono di Namur 2000, Belgio.
  • Toro Alato del Migliore Film, XI FilmKunstFest di Schwerin 2001, Germania.
  • Premio del Pubblico, Terzo Festival Internazionale del Film Francofono di Bratislava 2001, Slovakia.
  • Premio del Pubblico, VII Festival "Comicittà" di Frosinone 2001, Italia.
  • Camerio per il Migliore Attore per Paolo Villaggio & Camerio per la Migliore Attrice per Francesca Pipoli, 19mo Festival Internazionale del Film di Rimouski 2001, Canada.
  • Migliore Sceneggiatura, IV Festival Internazionale del Film dello Zimbabwe 2001.
  • Premio del Film della città di Zurigo 2001 per il Produttore Edi Hubschmid.
  • Premio Speciale della Giuria & Ousfor d'Or per Paolo Villaggio, Primo Festival del Film Francofono di Safi 2003, Marocco.
  • Premio alla Qualità 2001, Ufficio Federale della Cultura, Svizzera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Scheda di Alfonso Marrese per Apulia film commission.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema