Artemide (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Artemide
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1959 a Pregnana Milanese
Fondata da Ernesto Gismondi e Sergio Mazza
Prodotti Illuminazione
Fatturato 132 mln € (2011)
Note Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 1967

Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 1989
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 1994
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2004
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2014

Il compasso d'oro 1994 è alla carriera.

Sito web www.artemide.it

Artemide è stata fondata da Ernesto Gismondi e Sergio Mazza nel 1959 ed è una azienda specializzata essenzialmente nella produzione di accessori per l’illuminazione (lampade, lampadari). Questo marchio è stato caratterizzato fin dall’inizio da una grande attenzione verso il design che le ha permesso nel corso degli anni di vincere numerosi premi internazionali per i suoi prodotti.

Tra i nomi più famosi del design italiano, Artemide è una delle aziende leader mondiali nell'illuminazione residenziale e professionale d'alta gamma.

Storia e organizzazione[modifica | modifica sorgente]

Fondata nel 1960 da Ernesto Gismondi e Sergio Mazza, riceve il suo primo premio già nel 1967: il prestigioso Compasso d'Oro per la lampada Eclisse, disegnata da Vico Magistretti. A questo premio ne seguono poi molti altri, a livello nazionale e internazionale, rendendo Artemide una delle aziende simbolo nel settore delle lampade di design.

Nel 1996 Artemide fa proprio un nuovo manifesto, in cui si identifica ancora oggi: con il motto "The Human Light" l'azienda milanese sottolinea la propria volontà di mettere la luce al servizio dell'uomo e delle sue esigenze. La filosofia di Artemide viene subito recepita dal pubblico e il successo del marchio va via via crescendo, dimostrato anche dalla sua presenza nei punti vendita più prestigiosi e nei maggiori musei d'arte moderna a livello mondiale.

Fin dalla sua nascita, Artemide collabora con i nomi più importanti del design internazionale, perseguendo obiettivi ambiziosi per quanto riguarda la tecnologia, l'estetica e il rispetto per l'ambiente: ne sono prova i modelli di lampade più famosi, come ad esempio le linee Aqua Ell, Mercury e Cadmo.

Design[modifica | modifica sorgente]

Le lampade Tizio e Tolomeo sono tra i prodotti che hanno contribuito a rendere famosa l'azienda e sono lampade diventate icone del design[1]. Progettata nel 1986 da Michele De Lucchi e Giancarlo Fassina,[2] la lampada a braccio Tolomeo è stata realizzata in diversi modelli,[3] tutti caratterizzati da un innovativo meccanismo di sospensione che rappresentano un'evoluzione delle tradizionali molle già impiegate sulle lampade a braccio.

lampada "nesso" disegnata da Giancarlo Mattioli nel 1965 per Artemide

Negli ultimi anni Artemide ha realizzato anche importanti progetti architettonici quali il quartier generale della Pirelli e l’autodromo di formula 1 di Shanghai.

Molti architetti e designer di fama mondiale hanno collaborato e collaborano con Artemide, tra i tanti non possono non essere citati: Vico Magistretti, Claudio Dini, Richard Sapper, Michele De Lucchi, Achille Castiglioni, Frattini, Jan van Lierde, Zebulon, Andrea Anastasio, Peter Zegers, Adrien Gardere, Toni Corsero, Carlo Forcolini, Carlotta De Bevilacqua, e naturalmente gli stessi Ernesto Gismondi e Sergio Mazza.

Premi Compasso d'oro[modifica | modifica sorgente]

L'azienda ha vinto due volte il Premio Compasso d'oro:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Irene Maria Scalise, Vespa, 500, Lettera 22 ecco tutti gli oggetti che sono diventati icone, Repubblica, 2008. URL consultato il 21 maggio 2008.
  2. ^ Tolomeo Artemide, Design Dictionary. URL consultato il 21 maggio 2008.
  3. ^ Prodotti della famiglia Tolomeo. URL consultato il 21 maggio 2008.