Artemide (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Artemide
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1959 a Pregnana Milanese
Fondata da Ernesto Gismondi e Sergio Mazza
Prodotti Illuminazione
Fatturato 132 mln € (2011)
Note Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 1967Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 1989Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 1994Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2004

Il compasso d'oro 1994 è alla carriera.

Sito web www.artemide.it

Artemide è stata fondata da Ernesto Gismondi e Sergio Mazza nel 1959 ed è una azienda specializzata essenzialmente nella produzione di accessori per l’illuminazione (lampade, lampadari). Questo marchio è stato caratterizzato fin dall’inizio da una grande attenzione verso il design che le ha permesso nel corso degli anni di vincere numerosi premi internazionali per i suoi prodotti.

Tra i nomi più famosi del design italiano, Artemide è una delle aziende leader mondiali nell'illuminazione residenziale e professionale d'alta gamma.

Storia e organizzazione[modifica | modifica sorgente]

Fondata nel 1960 da Ernesto Gismondi e Sergio Mazza, riceve il suo primo premio già nel 1967: il prestigioso Compasso d'Oro per la lampada Eclisse, disegnata da Vico Magistretti. A questo premio ne seguono poi molti altri, a livello nazionale e internazionale, rendendo Artemide una delle aziende simbolo nel settore delle lampade di design.

Nel 1996 Artemide fa proprio un nuovo manifesto, in cui si identifica ancora oggi: con il motto "The Human Light" l'azienda milanese sottolinea la propria volontà di mettere la luce al servizio dell'uomo e delle sue esigenze. La filosofia di Artemide viene subito recepita dal pubblico e il successo del marchio va via via crescendo, dimostrato anche dalla sua presenza nei punti vendita più prestigiosi e nei maggiori musei d'arte moderna a livello mondiale.

Fin dalla sua nascita, Artemide collabora con i nomi più importanti del design internazionale, perseguendo obiettivi ambiziosi per quanto riguarda la tecnologia, l'estetica e il rispetto per l'ambiente: ne sono prova i modelli di lampade più famosi, come ad esempio le linee Aqua Ell, Mercury e Cadmo.

Design[modifica | modifica sorgente]

Le lampade Tizio e Tolomeo sono tra i prodotti che hanno contribuito a rendere famosa l'azienda e sono lampade diventate icone del design[1]. Progettata nel 1986 da Michele De Lucchi e Giancarlo Fassina,[2] la lampada a braccio Tolomeo è stata realizzata in diversi modelli,[3] tutti caratterizzati da un innovativo meccanismo di sospensione che rappresentano un'evoluzione delle tradizionali molle già impiegate sulle lampade a braccio.

lampada "nesso" disegnata da Giancarlo Mattioli nel 1965 per Artemide

Negli ultimi anni Artemide ha realizzato anche importanti progetti architettonici quali il quartier generale della Pirelli e l’autodromo di formula 1 di Shanghai.

Molti architetti e designer di fama mondiale hanno collaborato e collaborano con Artemide, tra i tanti non possono non essere citati: Vico Magistretti, Claudio Dini, Richard Sapper, Michele De Lucchi, Achille Castiglioni, Frattini, Jan van Lierde, Zebulon, Andrea Anastasio, Peter Zegers, Adrien Gardere, Toni Corsero, Carlo Forcolini, Carlotta De Bevilacqua, e naturalmente gli stessi Ernesto Gismondi e Sergio Mazza.

Premi Compasso d'oro[modifica | modifica sorgente]

L'azienda ha vinto due volte il Premio Compasso d'oro:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Irene Maria Scalise, Vespa, 500, Lettera 22 ecco tutti gli oggetti che sono diventati icone, Repubblica, 2008. URL consultato il 21 maggio 2008.
  2. ^ Tolomeo Artemide, Design Dictionary. URL consultato il 21 maggio 2008.
  3. ^ Prodotti della famiglia Tolomeo. URL consultato il 21 maggio 2008.