Anomala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Anomala
Anomala dubia.jpg
Anomala dubia
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Coleopteroidea
Ordine Coleoptera
Superfamiglia Scarabaeoidea
Famiglia Scarabaeidae
Sottofamiglia Rutelinae
Genere Anomala
Schoenherr, 1817
Specie

vedi testo

Anomala Schoenherr 1817 è un genere di coleotteri della famiglia Scarabaeidae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Adulto[modifica | modifica wikitesto]

Le specie appartenenti al genere anomala, sono di forma ovale e, in generale, le loro dimensioni non superano i 15/20 mm. La testa è di dimensioni medie e presenta due antenne corte. Su di essa vi si possono trovare anche le mandibole, son molto sviluppate, che sono utilizzate per nutrirsi. Il torace è di medie dimensioni e ad esso si attaccano le zampe, che sono di media lunghezza e permettono un solido appiglio ai tronchi o agli steli, e i muscoli delle ali; la presenza di pubescenza è indicativa della specie. Il pronoto, la parte dorsale sopra il torace, presenta una colorazione che, come la colorazione delle elitre, varia a seconda della specie. L'addome, infine, non è coperto di peluria ed è la parte più grande dell'insetto.

Larva[modifica | modifica wikitesto]

Le larve hanno l'aspetto di grossi vermi a forma di "C". Le zampe sono sclerificate, quasi atrofizzate per facilitare il movimento dell'insetto nel terreno. La testa è dello stesso colore delle zampe e presenta un paio di possenti mandibole che sono utilizzate per frantumare le radici delle piante. Lungo tutto il corpo (che presenta una colorazione biancastra) sui fianchi le larve presentano dei fori chitinosi che costituiscono l'apparato respiratorio. L'addome contiene il tubo digerente, forse l'organo più grande, che è, per tutto il periodo larvale, sempre ricolmo di grandi quantità di cibo.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo e comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo delle specie appartenenti al genere anomala è simile a quello di altri scarabeidi. Dura circa due anni, comprendendo tutte e tre le fasi (stadio larvale, pupa, adulto). Come molti scarabeidi durante il periodo di vita adulta non si nutrono, ma consumano tutte le energie accumulate nello stadio larvale per ricercare un partner con cui accoppiarsi; al contrario le larve si nutrono di radici di piante come gli arbusti. Gli adulti sono visibili a primavera inoltrata (da maggio/giugno) e muoiono dopo una vita libera di qualche settimana. La maggior parte delle specie è di abitudini crepuscolari o notturne e sono facilmente attratti dalle luci artificiali.

Importanza agraria[modifica | modifica wikitesto]

Un comportamento che li accomuna è che la maggior parte delle larve di queste specie si nutrono di radici di erbe divenendo un parassita in molte aree dove si insediano. Una specie degna di nota è Anomala orientalis, che è stata introdotta in Nord America e da allora è diventato uno dei parassiti principali in diversi stati mittel-atlantici. In molte aree a vocazione vinicola diviene interessante l'Anomala vitis, in quanto rappresenta un'avversità minore della vite, e le eventuali tattiche di contrasto e/o contenimento che la riguardano. Comunque il danno è limitato in quanto il numero di questi insetti non è elevatissimo.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

In Europa sono presenti le seguenti specie:[1]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Anomala è reperibile in tutto il mondo, a causa anche degli spostamenti umani. Predilige ambienti che favoriscano la presenza del nutrimento delle larve e varia a seconda della specie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Taxon details: Anomala in Fauna Europaea version 2.6.2, Fauna Europaea Web Service, 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi