Annibale Certani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Annibale Certani (Bologna, 26 settembre 1829Budrio, 22 ottobre 1914) è stato un ingegnere e agronomo italiano.

Era figlio dell'avvocato Antonio Certani, appartenente alla famiglia dei signori di Cerreto, e da Adelaide, figlia del marchese Annibale Paleotti Lanzoni. Sposò Bianca Bonora, dalla quale ebbe il violoncellista Antonio Certani e Luisa, andata in sposa al marchese Paolucci delle Roncole.

Nel 1846 partecipò ai moti risorgimentali, entrando nella guardia civica bolognese ("Corpo delle Pattuglie Cittadine di Bologna"), nella pattuglia del rione San Domenico, comandata da suo padre. Il fratello Carlo fu luogotenente dei bersaglieri e fu ucciso a Ponte d'Arli durante un episodio di brigantaggio. Un altro fratello, Luigi, partecipò alle campagne militari del 1860-1861.

Si laureò in filosofia matematica presso l'università di Bologna e fece pratica presso l'ingegnere Tommaso Biagi.

Nel 1854 prese in affitto la tenuta di Mezzolara, di proprietà dell'imperatore francese Napoleone III, insieme al collega Camillo Montanari. La tenuta aveva una superficie di 2.000 ettari, in parte paludosi, che furono bonificati: in quindici anni la tenuta fu trasformata in un'azienda agricola efficiente e ad alto reddito, tecnologicamente avanzata.

Nel 1863 presentò al governo del Regno d'Italia il progetto di un canale che avrebbe permesso la bonifica di circa 400.000 ettari di terreno in Emilia-Romagna, con una spesa di 186 milioni di lire. Al progetto si interessarono Marco Minghetti, Giovanni Codronchi e Carlo Berti Pichat, ma il Ministero dei lavori pubblici per ragioni finanziarie non ne decise la realizzazione. Dopo la morte di Certani venne realizzato il canale CER che ripercorre lo stesso tracciato, con piccole differenze.