Amir Peretz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Amir Peretz

Amir Peretz (in ebraico: עמיר פרץ; Boujad, 9 marzo 1952) è un politico e sindacalista israeliano.

Amir Peretz è nato a Boujad una piccola città nel nord del Marocco nella regione di Chaouia-Ouardigha. Suo padre, benzinaio, era il capo della comunità ebraica della città. La sua famiglia emigrò in Israele nel 1956 e si stabilì a Sderot.

Ha fatto il servizio militare in l'IDF nella 202 ª brigata di paracadutisti e raggiunge il grado di capitano. Fu ferito durante la guerra dello Yom Kippur nel 1973 ed è stato ricoverato per un anno. Ha comprato una fattoria nel villaggio di Nir Akiva e coltivare fiori e ortaggi per l'esportazione. Ha incontrato sua moglie Ahlama ha sposato e ha quattro figli. È stato a lungo capo del potente sindacato israeliano Histadrut, prima di dedicarsi all'attività politica.

Nel novembre 2005 fu eletto presidente del Partito Laburista Israeliano. Nel maggio 2006, nonostante non avesse esperienza militare, divenne Ministro della Difesa di Israele, nel governo guidato da Ehud Olmert; in questa veste, ebbe un ruolo di rilievo nel conflitto tra Israele e gli Hezbollah libanesi dell'estate 2006.

Duramente criticato per la sua incerta gestione del conflitto, ed in una posizione politicamente difficile, fu sconfitto da Ehud Barak per la leadership del Partito Laburista nel giugno 2007; diede quindi le dimissioni anche dai suoi incarichi governativi, e fu sostituito come Ministro della Difesa dallo stesso Barak.


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 2222306 LCCN: no2006064023

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie