Al Fursan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Al-Fursan
The Knights
Gli Aermacchi MB-339 degli Al Fursan al Royal International Air Tattoo del 2012
Descrizione generale
Attiva 20 gennaio 2010 - oggi
Nazione Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti
Forza armata Al-Quwwāt al-Jawiyya al-Imārātiyya
Colori Nero e oro
Velivoli Aermacchi MB-339A

[senza fonte]

voci di pattuglie acrobatiche presenti su Wikipedia

Al Fursan (in arabo: ﺍﻟﻔﺮﺳﺎﻥ, al-Fursān, ovvero "I cavalieri" (nota in lingua inglese come The Knights) è la pattuglia acrobatica nazionale dell'Al-Quwwāt al-Jawiyya al-Imārātiyya, nata nel 2010 al seguito della decisione della forza aerea degli Emirati Arabi Uniti di creare un gruppo permanente per l'addestramento all'acrobazia aerea collettiva dei suoi piloti.

La livrea della pattuglia acrobatica è nera e oro con le ali dipinte nell'intradosso con i colori della bandiera degli Emirati Arabi Uniti: rosso, verde, bianco e nero.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Volo in formazione

La pattuglia acrobatica Al Fursan è stata presentata ufficialmente il 20 gennaio 2010 in occasione della cerimonia di consegna dei brevetti di volo ai neopiloti e dei controllori di volo del Khalifa Bin Zayed Air College di Al Ain ad Abu Dhabi.[1] È dotata degli addestratori intermedi italiani Aermacchi MB-339A, velivoli acquisiti in 7 esemplari a metà degli anni ottanta dall'allora aeronautica militare di Dubai e poi entrati a far parte della United Arab Emirates Air Force.[2]

In tale occasione gli Al Fursan, equipaggiati con 4 velivoli, hanno debuttato con un sorvolo con fumogeni rossi. Un quinto velivolo era di riserva a terra. I piloti, prima del loro debutto davanti al pubblico di Abu Dhabi, sono stati addestrati per un anno, ma saranno necessari ancora altri 8 mesi prima che siano in grado di effettuare un programma acrobatico completo ed esibirsi in manifestazioni nazionali e internazionali.[1]

La giovane pattuglia acrobatica emiratina è equipaggiata con 6 MB-339A modificati negli E.A.U. ad uno standard analogo a quello degli MB-339PAN delle Frecce Tricolori a cui si sono aggiunti il 21 dicembre 2010 altri 4 apparecchi appositamente modificati dalla Alenia Aermacchi,[3] provenienti dal 61º Stormo dell'Aeronautica Militare Italiana.[4][5]

Sono in corso trattative per sostituire gli MB-339A con 8 esemplari del nuovo biposto Alenia Aermacchi M-346 Master.[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Gary Parsons, UAE debuts new aerobatic team in key.Aero, 22 gennaio 2010. URL consultato il 23/12/2010.
  2. ^ Gregory Alegi, Aermacchi MB.339 per la nuova pattuglia acrobatica degli Emirati Arabi Uniti in Dedalonews, 19 luglio 2010. URL consultato il 23/12/2010.
  3. ^ The last four Alenia Aermacchi MB-339As have left Venegono's facilities on the 21st of December for UAE, 21 dicembre 2010.
  4. ^ Antonio Mazzeo, Caccia italiani bipartisan agli emirati dei diritti negati in IMG Press, 27 settembre 2010. URL consultato il 23/12/2010.
  5. ^ (EN) Luca Peruzzi, UAE aerobatic display team nears readiness in Flightglobal.com, 1° ottobre 2010. URL consultato il 23/12/2010.
  6. ^ "Aeronautica & Difesa" - n°280 anno XXV - febbraio 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione