83 Leonis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
83 Leonis A / B
Leo constellation 83.png
Classificazione Subgigante arancione / nana arancione
Classe spettrale K0IV / K2V
Distanza dal Sole 57,6 / 58,64 al
(17,67 / 17,99 pc)
Costellazione Leone
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 11h 26m 45.32s /
11h 26m 46.28s
Declinazione +3° 0' 47.18" /
+3° 0' 22.78"
Dati fisici
Raggio medio 1,9 / 0,96 R
Massa
1 / 0,78 M
Temperatura
superficiale
5500 / 4740 K (media)
Luminosità
1,10 / 0,42 L
Metallicità 1,2 / 0,36
Età stimata 4 miliardi di anni
Dati osservativi
Magnitudine app. 6,49 / 7,57
Parallasse 56,59 / 55,59 mas
Nomenclature alternative
Wolf 393, GJ 429, HD 99491/2, BD+03°2502/3, HIP 55846, HR 4414

83 Leonis (83 Leo) è un sistema stellare binario nella costellazione del Leone. È formato da due stelle arancioni, più fredde del nostro Sole. La primaria (83 Leonis A) è una subgigante arancione, l'altra (83 Leonis B) è una nana arancione. Le due stelle sono separate da almeno 515 UA. Esiste anche una componente ottica che appare vicino al sistema solo per ragioni di prospettiva.

Nel 2005 [1] è stato scoperto un pianeta extrasolare attorno alla componente B, cui se ne aggiunto un secondo nel 2010.

Il sistema stellare[modifica | modifica sorgente]

  • 83 Leonis A è una stella della sesta magnitudine. Non è visibile ad occhio nudo ma può essere osservata già con l'ausilio di un binocolo. La stella è classificata come subgigante, cioè ha terminato la fusione dell'idrogeno nel nucleo e si sta avviando verso la fase di gigante rossa.

Entrambe le componenti A e B condividono lo stesso moto proprio, e questo conferma il loro legame gravitazionale. Le stelle sono separate da almeno 515 UA, ma la vera distanza potrebbe essere anche molto maggiore. [4]

Il Washington Double Star Catalog elenca un'altra stella, di magnitudine 14,4, ma dato che si muove in direzione diversa non fa parte del sistema di 83 Leonis.

Sistema planetario[modifica | modifica sorgente]

Nel 2005 è stato scoperto il primo esopianeta attorno a 83 Leonis B usando il metodo della velocità radiale. Il pianeta orbita molto vicino alla stella madre, a 0,12 U.A., completa un'orbita in 17 giorni e la sua massa è non meno dell'11% di quella di Giove. Nel 2010 è stato scoperto il secondo pianeta del sistema, 83 Leonis Bc, che orbita ad oltre 5 U.A. in un periodo di quasi 5000 giorni. La massa stimata di quest'ultimo è circa un terzo della massa gioviana.

Il sistema di 83 Leonis B
Nome Massa Semiasse maggiore Periodo orbitale  Scoperta 
83 Leonis Bb >0,109 ± 0,013 MJ 0,1232 ± 0,0071 UA 17,0431 ± 0,047 giorni 2005
83 Leonis Bc ≥ 0.36 ± 0.06 MJ 5.4 ± 0.5 UA 4970 ± 744 giorni 2010

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ * Marcy et al., Five New Extrasolar Planets in The Astrophysical Journal, vol. 619, 2005, pp. 570–584.
  2. ^ Stefano Meschiari, Gregory Laughlin, Steven S. Vogt, R. Paul Butler, Eugenio J. Rivera, Nader Haghighipour, Peter Jalowiczor, The Lick-Carnegie Survey: Four New Exoplanet Candidates in The Astrophysical Journal, vol. 727, nº 2, 2011, article id. 117, arXiv:1011.4068, Bibcode:2011ApJ...727..117M, DOI:10.1088/0004-637X/727/2/117.
  3. ^ The Planet Around HD 99492 in California & Carnegie Planet Search. URL consultato il 9 maggio 2006.
  4. ^ Raghavan et al., Two Suns in The Sky: Stellar Multiplicity in Exoplanet Systems in The Astrophysical Journal, vol. 646, 2006, pp. 523–542. (web Preprint)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni