4º Reggimento "Genova Cavalleria"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Reggimento "Genova Cavalleria" (4º)
Stemma del Reggimento Lancieri di Novara dal 1953
Stemma del Reggimento
Descrizione generale
Attiva 26 gennaio 1682 - oggi
Nazione Blason duche fr Savoie.svg Ducato di Savoia
Flag of Kingdom of Sardinia (1848).svg Regno di Sardegna
bandiera Regno d'Italia
Italia Italia
Alleanza Flag of NATO.svg N.A.T.O.
Servizio Flag of the Kingdom of Sardinia (1848-1851).svg Armata Sarda
Flag of Italy (1860).svg Regio esercito
Coat of arms of the Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
Tipo Cavalleria
Dimensione Reggimento
Mezzi attualmente in Dotazione Autoblindo Centauro
Blindati Puma
Land Rover AR 90
Soprannome Dragons Bleu
Motto Soit à pied soit à cheval mon honneur est sans égal
Colori Bavero e paramano color giallo oro
Battaglie/guerre "Battaglia di Torino, carica del Brichetto,Battaglia di Goito, Battaglia di Governolo"
Parte di
Reparti dipendenti
  • Comando di reggimento
  • uno squadrone di supporto logistico
  • un gruppo squadroni blindato[1]

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il Reggimento "Genova Cavalleria" (4°) è un reparto dell'Esercito Italiano con sede a Palmanova, inquadrato nella Brigata di Cavalleria"Pozzuolo del Friuli". Fondato il 26 gennaio del 1682, è il più antico reggimento di cavalleria dell'Esercito Italiano.[2]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Il reggimento viene fondato il 26 gennaio 1682 col nome di Dragoni di Verrua per poi assumere alcuni anni dopo prima quello di Dragoni di S.A.R. e infine quello di Dragoni di Sua Maestà che mantiene per tutto il Settecento. Prende parte a tutte le guerre che coinvolsero il Regno di Sardegna durante il secolo distinguendosi particolarmente nelle battaglie del Tidone (1746) e del Brichetto (1796).

Risorgimento[modifica | modifica wikitesto]

Battaglia di Novara, 23 marzo 1849 in un dipinto dell'epoca

Regno d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Carica della Cavalleria Italiana a Custoza in una litografia dell'epoca

Prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Tra le due guerre[modifica | modifica wikitesto]

Seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Repubblica italiana[modifica | modifica wikitesto]

Tempi recenti[modifica | modifica wikitesto]

Fregio dell'Arma di Cavalleria dell'Esercito Italiano (usato per la cavalleria fuori corpo)

Partecipa alle operazioni svolte in teatro nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Partecipa alle operazioni estere[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua storia il 4º Reggimento "Genova Cavalleria" ha meritato le seguenti onorificenze allo Stendardo:[3]

Le Decorazioni allo Stendardo[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

AR 90
VTLM Lince
Puma 4X4
Puma 6X6
Autoblindo 8x8 Centauro

Insegne e Simboli[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Reggimento indossa il fregio che è comune sia ai reparti dei Dragoni che dei Cavalieri; è composto da una "dragona" diritta con il numero distintivo del reggimento al centro della bomba. Il fregio è in metallo argentato opaco poggiante su di un cerchio lucido indossato con il basco, fregio dorato per il berretto rigido.
  • Le mostrine del reggimento come per tutte le unità di Cavalleria di Linea sono le fiamme a tre punte, e richiamano i colori tradizionali dei baveri; sono gialle per il Reggimento "Genova Cavalleria". Alla base della mostrina si trova la stella argentata a 5 punte bordata di nero, simbolo delle forze armate italiane.

Festa del reggimento[modifica | modifica wikitesto]

  • Il reggimento festeggia "il Bricchetto" il 21 aprile, in occasione della ricorrenza della battaglia del colle del Bricchetto, avvenuta il 21 aprile del 1796 ove il reggimento si guadagna ben 2 medaglie d'oro al valor militare, attaccando ed avendo la meglio su un numero di nemici ben superiori, facilitando la ritirata della Fanteria del Re.

Armi e mezzi in dotazione[modifica | modifica wikitesto]

Informazioni ricavate dalla pagina del Reggimento "Lancieri di Aosta" nel sito dello Stato Maggiore dell'Esercito[4].

Armamento[modifica | modifica wikitesto]

Mezzi[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 4º Reggimento "Genova Cavalleria" nel sito dell'Esercito Italiano visionato 30 agosto 2012
  2. ^ F. Apicella, Breve storia della cavalleria. Scuola di cavalleria, 2004
  3. ^ Esercito Italiano, 4º Reggimento "Genova Cavalleria" - Il Medagliere
  4. ^ Informazioni ricavate dalla pagina del Reggimento "Lancieri di Aosta" nel sito dello Stato Maggiore dell'Esercito [1]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]