Ėduard Chil'

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ėduard Chil'
Fotografia di Ėduard Chil'
Nazionalità URSS URSS
Russia Russia
Genere Pop
Opera lirica
Periodo di attività 1955-2012

Ėduard Anatol'evič Chil' (in russo: Эдуард Анатольевич Хиль?; Smolensk, 4 settembre 1934San Pietroburgo, 4 giugno 2012) è stato un baritono sovietico, russo dal 1991.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ėduard Chil' nacque il 4 settembre 1934 a Smolensk. La sua infanzia fu segnata duramente dalla seconda guerra mondiale: in seguito all'invasione dell'URSS da parte della Germania nazista fu separato ancora bambino dai suoi genitori, e passò gli anni della guerra in un orfanotrofio. Poté ricongiungersi con la madre solo dopo la fine delle ostilità: i due si trasferirono a San Pietroburgo (Leningrado) dove il giovane Chil' svolse gli studi[1].

Chil' sul palco di una manifestazione a San Pietroburgo nel 2010

Nel 1960 si diplomò al Conservatorio di Leningrado (classe di canto EG Olkhovskoye e ZP Lody) e iniziò ad esibirsi come solista; il suo repertorio consisteva prevalentemente in musica pop e canzoni popolari russe.

Il suo stile, che abbinava alle doti vocali un atteggiamento teatrale ed istrionico sul palcoscenico, gli valse una notevole fama in patria, e gli fruttò una carriera più che ventennale costellata di numerosi premi e riconoscimenti, fra cui il conferimento del prestigioso Artista del Popolo dell'Unione Sovietica assegnatogli nel 1974[2].

L'attività di musicista lo portò a tenere concerti in tour in più di ottanta nazioni diverse[1].

Dal 1977 al 1979 affiancò all'attività musicale quella di insegnante di canto solista presso l'Accademia delle Arti Teatrali di San Pietroburgo.

All'inizio degli anni novanta si ritirò dalle scene, per poi ritornarvi a partire dal 1997, venendo coinvolto da suo figlio in un progetto congiunto con il gruppo rock "Prepinaki".

Nel 2009, per commemorare la sua carriera ed in occasione del suo 75º compleanno, gli venne conferito l'Ordine al merito per la Patria[1].

Eduard Khill è morto il 4 giugno 2012 in un ospedale di San Pietroburgo[3][4], a seguito di un coma causato da un ictus alcuni giorni prima.

Trololo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 è stato caricato su YouTube un video del 1976 di Chil' che canta Я очень рад, ведь я, наконец, возвращаюсь домой (Sono felice, perché sto finalmente ritornando a casa) ed in breve tempo divenne un famoso fenomeno di Internet come "Trololo", tanto che al baritono è stato attribuito il soprannome di "Mr. Trololo" o "Trololo Man" e l'attore Christoph Waltz ne ha girato una parodia. Anche Muslim Magomayev, Valery Obodzinsky e il cantante ungherese Janos Koosh si sono esibiti in questo vocalizzo. Una sua parodia è presente anche nella prima puntata della decima stagione de "I Griffin", nel gioco "Ratchet & Clank Qforce" e un'emulazione in "ANT Farm".

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine della Bandiera rossa del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera rossa del lavoro
Artista del Popolo dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Artista del Popolo dell'Unione Sovietica
Ordine al merito per la Patria di IV classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine al merito per la Patria di IV classe

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (RU) Эдуард Хиль
  2. ^ Music Encyclopedia. Ch. Ed. V. Keldysh. Volume 6. Heintze - Yashugin. 1108 STB. with illus. 1982 Moscow: Soviet Encyclopedia 1982
  3. ^ 'Mr. Trololo' Dies in St.Petersburg, Aged 77
  4. ^ Addio a 'Mr Trololo', muore l'autore del tormentone rilanciato dal web

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51065774 LCCN: n2003079917