Édouard Louis Joseph Empain

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Édouard Louis Joseph Empain

Édouard Louis Joseph Empain (Belœil, 20 settembre 1852Woluwe, 22 luglio 1929) è stato un ricco ingegnere ed imprenditore belga, nonché un appassionato egittologo.

Gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Empain nacque a Belœil, in Belgio, da un insegnante,[1] François Julien Empain, e da sua moglie Catherine Solivier. Sivenne un uomo d'affari col fratello François ed altri membri della famiglia, racimolando una grande fortuna.

Empain iniziò la propria carriera come disegnatore presso una compagnia metallurgica, la Société métallurgique, nel 1878,[2] venendo coinvolto nella costruzione di una ferrovia quando notò che l'infrastruttura dei trasporti della regione era inadeguata. Dopo il successo riscosso in Belgio con la linea Liegi-Jemeppe,[2] assieme ai suoi soci sviluppò numerose altre linee in Francia, tra cui la creazione della metropolitana di Parigi.

Essendosi accorto che i suoi progetti industriali dipendevano troppo dalle banche, nel 1881 fondò una propria banca, la banca Empain, che in seguito divenne la Banque Industrielle Belge.[2] Il gruppo di ditte Empain si espanse velocemente per tutta la decade del 1890, costruendo linee tramviarie urbane in tutta Europa, in Russia, in Cina, nel Congo Belga ed a Il Cairo, in Egitto. Non volendo dipendere neanche dai produttori di elettricità, Empain aprì anche numerose compagnie elettriche per fornire elettricità ai propri progetti.[2]

Egitto[modifica | modifica wikitesto]

Édouard Empain giunse in Egitto nel gennaio del 1904, per gestire uno dei progetti della propria ditta chiamata S.A. des Chemins de Fer de la Basse-Egypte, riguardante la costruzione di una linea ferroviaria tra Mansura (sul Nilo) e Matariya (sulla riva opposta del lago Manzala rispetto a Porto Said).[3] Nonostante non riuscì ad accaparrarsi l'appalto, Empain rimase in Egitto a causa del suo amore per il deserto.

Palazzo del barone Empain (Qasr Al Baron), Heliopolis, Egitto

Nel 1906 Empain creò la Cairo Electric Railways and Heliopolis Oases Company, la quale acquistò per pochi soldi dal governo coloniale una grande striscia di deserto (25 km²) a nordovest di Il Cairo.[3] A partire dal 1906-07 questa società iniziò la costruzione della nuova città di Heliopolis, nel deserto, a 10 chilometri dal centro di Il Cairo. Fu concepita come "città del lusso e del divertimento", con grandi strade e fornita di tutte le possibili infrastrutture: acqua, fognature, elettricità ed hotel, come l'Heliopolis Palace Hotel[3] (palazzo presidenziale dell'ex presidente Hosni Mubarak) e Heliopolis House, e centri ricreativi tra cui un campo di golf, un circuito per le corse ed un parco. Esistevano anche case in affitto.

Lato opposto del Palazzo del barone Empain (Qasr Al Baron) ad Heliopolis, Il Cairo

Ora il barone Empain è forse più conosciuto da chi visita l'Egitto a causa della costruzione di un palazzo (Palais Hindou) nell'Avenue des Palais (rinominata in via Orouba durante l'epoca di Nasser) di Heliopolis, Il Cairo. Ispirato dall'Angkor Wat cambogiano e dai templi hindu di Orissa, il palazzo del barone Empain fu progettato dall'architetto francese Alexandre Marcel (1860–1928) e decorato da Georges-Louis Claude (1879–1963), e la cui costruzione terminò nel 1911.[1]

Nel 1905 Empain aiutò il governo belga nell'acquisto di un mastaba dell'Antico Regno per il museo reale di Bruxelles, di cui era benefattore. Nel 1907 ricevette il titolo di barone, e suggerì all'egittologo belga Jean Capart di scavare ad Heliopolis, dove stava costruendo degli edifici. Permise anche a Capart di acquistare alcuni ottimi reperti per conto del museo di Bruxelles.

Vecchiaia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la prima guerra mondiale ricevette il grado di generale, e diresse la produzione di armamenti a Parigi e Le Havre per conto dell'esercito belga.

Morì a Woluwe, in Belgio, e fu sepolto nella basilica di Nostra Signora di Heliopolis (nota come La Basilique Notre-Dame d'Héliopolis).

Il suo titolo di barone fu ereditato dal figlio Jean Emplain, il quale sposò un'attrice statunitense di burlesque, Rozell Rowland (chiamata a volte Rozelle Rowland). Vissero spesso ad Heliopolis. Egli, a sua volta, fu succeduto dal figlio Édouard-Jean Empain.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b The belgians of Egypt, 13 maggio 1995
  2. ^ a b c d Empain Edouard su www.wallonie-en-ligne.net
  3. ^ a b c Belgian Companies in Egypt

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Howard Shakespeare, Belgian Companies in Egypt, International Bond & Share Society, 1998
  • Van Loo, Anne e Bruwier, Marie-Cécile (ed.), Héliopolis, Bruxelles: Fonds Mercator, 2010, pag. 229, ISBN 978-90-6153-930-8
  • Une Donation d'antiquités égyptiennes aux Musées royaux de Bruxelles, (1911).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 170367027