Yambo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Enrico Novelli, in arte "Yambo"

Yambo, pseudonimo di Enrico de’ Conti Novelli da Bertinoro (Pisa, 5 giugno 1874Firenze, 29 dicembre 1943), è stato un regista, illustratore, scrittore e autore di fumetti italiano, noto soprattutto per i suoi libri per ragazzi. Personalità eclettica, è stato uno degli autori di spicco di letteratura popolare in italiano della prima metà del Novecento. Grazie alla sua produzione fantastico-avventurosa, pubblicata soprattutto nelle riviste, oltre che al suo film Un matrimonio interplanetario del 1910, è considerato inoltre uno degli anticipatori della fantascienza in Italia.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Copertina della rivista per ragazzi Il Novellino (1907) illustrata da Yambo.

Di famiglia nobile (patrizio di San Marino), era figlio del grande attore Ermete Novelli e dell'attrice Lina Marazzi. Intorno al 1894 collaborava già a La Sera di Milano come giornalista e illustratore, inserendo i propri "pupazzetti", come li chiamava, a completamento dei propri articoli. Pupazzetto fu anche il nome del mensile illustrato che fondò a Roma nel 1901. Collaborò inoltre al Novellino, prima di passare al quotidiano fiorentino La Nazione. Collaborò poi al settimanale satirico Numero edito tra il 1914 e il 1922 (n. 57 del 24 gennaio 1915) e al settimanale illustrato Il Balilla fra il 1925 e il 1931.

L'attività principale però fu quella di scrittore per ragazzi: nel 1902 pubblicò Le avventure di Ciuffettino; altre opere furono Gomitolino, Lo scimmiottino verde, I filibustieri della lumaca e altre opere anticipatrici della fantascienza in Italia come quelle dove descriveva viaggi straordinari per terra (Due anni in velocipede, 1899, Gli eroi del Gladiator, 1900, avventure su una ferrovia transafricana, Capitan Fanfara. Il giro del mondo in automobile, 1904, Fortunato per forza! o Il talismano delle 100.000 disgrazie, 1910), per mare (Atlantide - I figli dell'abisso, 1901, una spedizione in sommergibile in fondo al mare alla scoperta dei superstiti del continente perduto),[2] nello spazio (Dalla terra alle stelle (1890), Gli esploratori dell'infinito, 1906, capolavoro fantastico dello scrittore, viaggio spaziale di due giornalisti filantropi nel sistema solare a cavallo di un asteroide (con un incontro con i marziani),[2] La colonia lunare, 1908, con una spedizione di una avveniristica astronave sulla Luna popolata di vita nel fondo dei crateri e l'inizio della sua colonizzazione,[2] Il re dei mondi, 1910; nell'infinitamente piccolo (L'atomo, 1912); tra i dinosauri (L'uovo di pterodattilo o L'allevatore di dinosauri, 1926).[3]

Fu un precursore anche nell'ambito del cinema italiano di fantascienza: scrisse, diresse e interpretò il film cortometraggio muto del 1910 Un matrimonio interplanetario, una commedia che rappresenta probabilmente l'esordio del cinema italiano nel genere fantascientifico.[4]

Scrisse e disegnò alcune delle prime storie fantascientifiche a fumetti della storia del fumetto italiano a metà degli anni trenta per riviste come Topolino.

Morì per un attacco cardiaco nel 1943 durante un bombardamento aereo su Firenze. È sepolto nel cimitero di Soffiano.

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Viaggi e avventure attraverso il tempo e lo spazio (1933), un libro a metà tra narrativa fantastica e divulgazione, antesignano del filone dell'"archeologia misteriosa".[5]

In Viaggi e avventure attraverso il tempo e lo spazio (1933), un libro a metà tra narrativa fantastica e divulgazione rivolto prevalentemente a un pubblico giovanile, Novelli trattò temi come la ricerca della perduta Atlantide e altri misteri[5] destinati a essere sviluppati trent'anni dopo nel filone dell'"archeologia misteriosa" da Peter Kolosimo.

Yambo è anche il nome del protagonista del libro di Umberto Eco La misteriosa fiamma della regina Loana.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(parziale)

  • Dalla terra alle stelle, 1890
  • Due anni in velocipede, 1899
  • Gli eroi del Gladiator, 1900
  • Atlantide - I figli dell'abisso, 1901
  • Le avventure di Ciuffettino, 1902
  • Capitan Fanfara. Il giro del mondo in automobile, 1904
  • Gli esploratori dell'infinito, 1906
  • La colonia lunare, 1908
  • Il mammouth, 1909 (con Alberto Orsi)
  • Il re dei mondi, 1910
  • Fortunato per forza! (o Il talismano delle 100.000 disgrazie), 1910
  • L'atomo, 1912
  • L'uovo di pterodattilo (o L'allevatore di dinosauri), 1926.[3]
  • Mestolino, 1928
  • Santa pirateria. Avventure al tempo delle gesta di Fiume., 1939
  • Ciuffettino Balilla, 1942

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Un onorevole in vacanza (1901)
  • Evviva l'automobile! (1904)
  • La principessa Stella (1908)
  • Cagliostro (1909)
  • Papà Gennaro (1910)
  • Fiorenza mia! (1911)
  • La novella del calcio (1912)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riccardo Valla, La fantascienza italiana (seconda parte), su fantascienza.com, 2000. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  2. ^ a b c Valla 2012.
  3. ^ a b Yambo, L'allevatore di dinosauri, 9 gennaio 2014 [1926], ISBN 9788828100249. Ospitato su Liber Liber.
  4. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), Un matrimonio interplanetario, in Fantafilm. URL consultato il 28 marzo 2011.
  5. ^ a b Yambo, Anni '30: alla scoperta di Atlantide, in Archeomisteri, n. 1 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2013).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Riccardo Esposito, Yambo (La protofantascienza italiana), in Almanacco della fantascienza 1993, Milano, Sergio Bonelli, 1993, p. 168.
  • Denis Lotti, Yambo sulla Luna di Verne e Méliès. Da La colonia lunare a Un matrimonio interplanetario, in Immagine. Note di Storia del Cinema, IV, n. 1, Roma-Ancona, Cattedrale, 2010, pp. 119-143, ISBN 978-88-95449-90-6.
  • Riccardo Valla, La fantascienza italiana: 60 anni di Urania (PDF), Torino, Mu.Fant e Biblioteche civiche torinesi, 2012. URL consultato il 29 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  • Massimo Bonura e Antonino Frenda (a cura di), Winsor McCay e Yambo: estetiche, regie e fumetti nella fantascienza sociologica, in Fumetto e cinema: questioni sociologiche e filosofiche. Atti del seminario, Palermo, Fondazione Ignazio Buttitta, 2019, pp. 19-22, ISBN 978-88-98054-43-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40201890 · ISNI (EN0000 0000 6778 3530 · SBN RAVV053544 · LCCN (ENno95030604 · GND (DE120130610 · BNF (FRcb106730142 (data) · J9U (ENHE987007449659405171 · WorldCat Identities (ENlccn-no95030604