Vitalij Popkov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vitalij Popkov
Vitaliy Popkov cyclist.jpg
Nazionalità Ucraina Ucraina
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Pista, strada
Squadra Flag of None.svg svincolato
Carriera
Squadre di club
2007-2014 ISD Continental
Palmarès
Wikiproject Europe (small).svg Europei su pista
Oro Büttgen 2002 Ins. sq. U23
Oro Mosca 2003 Ins. sq. U23
Oro Valencia 2004 Ins. sq. U23
Argento Fiorenzuola 2005 Ins. sq. U23
Gnome-emblem-web.svg Mondiali su pista
Argento Mallorca 2007 Ins. sq.
Statistiche aggiornate al maggio 2016

Vitalij Popkov (in ucraino: Віталій Попков?; Novoselycja, 16 giugno 1983) è un pistard e ciclista su strada ucraino, professionista dal 2007 al 2014. Con la Nazionale della pista ha vinto tre titoli europei Under-23, un argento mondiale Open e cinque gare di coppa del mondo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

A inizio carriera è su pista che trova i primi successi, disputando diverse gare coi connazionali Volodymyr Djudja, Roman Kononenko, Volodymyr Zahorodnij, Dmytro Hrabovs'kyj e Maksym Poliščuk ed ottenendo tre titoli europei Under-23 consecutivi nell'inseguimento a squadre (dal 2002 al 2004). Nel frattempo riesce anche a concludere ai vertici alcune prove della coppa del mondo Open, brillando sempre nell'inseguimento a squadre. Nel 2007 viene ingaggiato dalla ISD Sport-Donetsk ma si fa notare ancora su pista, cogliendo due successi in coppa del mondo a Los Angeles[1] e il prezioso argento ai campionati del mondo 2007 di Palma di Maiorca, sempre nell'inseguimento a squadre.

Dopo il 2007 decide di dedicarsi maggiormente all'attività su strada, continuando comunque a correre su pista (vincerà ancora una gara di coppa del mondo nell'inseguimento, nel 2009 a Cali). Nel 2008 ottiene un successo nel prologo di una piccola corsa ucraina e nel 2009 vince una tappa e la classifica generale del Tour of Szeklerland, corsa romena. Ad ottobre trova infine il successo in una tappa a cronometro dei campionati ucraini, uno dei pochi che decide il vincitore dopo una corsa a tappe.[2] Nel 2010 ottiene quindi ben dieci successi su strada. Ad aprile vince il Grand Prix of Donetsk e si aggiudica due tappe e la classifica finale del Grand Prix of Adygeya. A maggio conclude al terzo posto il Five Rings of Moscow, con una vittoria di tappa; ottiene altre vittorie in Polonia, al Grand Prix Jasnej Góry-Czestochowa, e in Norvegia, al Rogaland Grand Prix, cogliendo anche un piazzamento nel Ringerike Grand Prix. In giugno ottiene due importanti vittorie nei campionati nazionali vincendo sia la prova in linea che quella a cronometro,[3][4] mentre in luglio vince ancora una tappa del Tour of Szeklerland.[5]

Nel 2011 lo sponsor della ISD si associa alla Lampre e venne perciò creata una formazione Continental, la ISD-Lampre. Popkov torna al successo nel 2012, vincendo il Grand Prix of Moscow, la Race Horizon Park in patria, una tappa della Wyścig Solidarności i Olimpijczyków e una della Dookoła Mazowsza in Polonia, e infine, per la seconda volta, la classifica generale del Tour of Szeklerland. Nel 2013 è ancora plurivittorioso nelle gare est-europee: si aggiudica infatti una tappa al Grand Prix of Sochi e una al Grand Prix of Adygeya in Russia (si piazza rispettivamente terzo e secondo della generale), una tappa al Tour d'Azerbaïdjan, una frazione e la graduatoria finale al Wyścig Solidarności i Olimpijczyków, e infine la cronoscalata del Tour of Szeklerland, in cui conclude secondo della generale.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Pista[modifica | modifica wikitesto]

Campionati europei, Inseguimento a squadre Under-23 (con Volodymyr Djudja, Roman Kononenko e Volodymyr Zahorodnij)
Campionati europei, Inseguimento a squadre Under-23 (con Volodymyr Djudja, Roman Kononenko e Volodymyr Zahorodnij)
3ª prova Coppa del mondo, Inseguimento a squadre (Città del Capo, con Volodymyr Djudja, Oleksandr Symonenko e Volodymyr Zahorodnij)
Campionati europei, Inseguimento a squadre Under-23 (con Volodymyr Djudja, Dmytro Hrabovs'kyj e Maksym Poliščuk)
1ª prova Coppa del mondo 2004-2005, Inseguimento a squadre (Mosca, con Volodymyr Djudja, Roman Kononenko e Volodymyr Zahorodnij)
3ª prova Coppa del mondo 2006-2007, Inseguimento individuale (Los Angeles)
3ª prova Coppa del mondo 2006-2007, Inseguimento a squadre (Los Angeles, con Ljubomyr Polatajko, Maksym Poliščuk e Vitalij Ščedov)
3ª prova Coppa del mondo 2009-2010, Inseguimento individuale (Cali)
Memorial Lesnikov, Corsa a punti
Memorial Lesnikov, Corsa a punti

Strada[modifica | modifica wikitesto]

  • 2008 (ISD Sport-Donetsk, una vittoria)
Prologo Tour de Ribas (cronometro)
  • 2009 (ISD Sport-Donetsk, due vittorie)
1ª tappa Tour of Szeklerland (Miercurea Ciuc > Miercurea Ciuc)
Classifica generale Tour of Szeklerland
tappa dei campionati ucraini (cronometro)
  • 2010 (ISD-Continental, dieci vittorie)
Grand Prix of Donetsk
Prologo Grand Prix of Adygeya (Majkop, cronometro)
3ª tappa Grand Prix of Adygeya (Majkop > Majkop)
Classifica generale Grand Prix of Adygeya
3ª tappa Five Rings of Moscow (Mosca > Mosca)
Grand Prix Jasnej Góry-Czestochowa
Rogaland Grand Prix
Campionati ucraini, Prova in linea
Campionati ucraini, Prova a cronometro
1ª tappa Tour of Szeklerland (Lunca de Jos > Pasul Pongrácz)
  • 2012 (ISD-Continental, cinque vittorie)
Grand Prix of Moscow
Race Horizon Park
6ª tappa Wyścig Solidarności i Olimpijczyków (Jasło > Jarosław)
5ª tappa Dookoła Mazowsza (Szydłowiec, cronometro)
Classifica generale Tour of Szeklerland
  • 2013 (ISD-Continental, sei vittorie)
1ª tappa Grand Prix of Sochi (Krasnodar > Anapa)
2ª tappa Grand Prix of Adygeya (Majkop > Majkop)
3ª tappa Tour d'Azerbaïdjan (Qabala > Qabala)
1ª tappa Wyścig Solidarności i Olimpijczyków (Lublino > Krosno)
Classifica generale Wyścig Solidarności i Olimpijczyków
3ª tappa Tour of Szeklerland (Harmaskereszt > Harghita-Băi, cronometro)

Altri successi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2013 (ISD-Continental)
Classifica a punti Wyścig Solidarności i Olimpijczyków

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pista: delusione azzurra nella prima giornata di Coppa del Mondo, in tuttobiciweb.it, 20 gennaio 2007. URL consultato il 14 gennaio 2011.
  2. ^ Ucraina, volano gli "italiani" nel campionato nazionale a tappe, in tuttobiciweb.it, 28 ottobre 2009. URL consultato il 15 novembre 2011.
  3. ^ Norvegia: Hushovd. Gran Bretagna, dominio Sky, in tuttobiciweb.it, 27 giugno 2010. URL consultato il 15 gennaio 2011.
  4. ^ Campionati nazionali: Saxo Bank 4, HTC Columbia 3, in tuttobiciweb.it, 26 giugno 2010. URL consultato il 15 gennaio 2011.
  5. ^ Romania, ancora una vittoria per l'ucraino Popkov, in tuttobiciweb.it, 23 luglio 2010. URL consultato il 15 gennaio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]