Virus di immunodeficienza delle scimmie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Virus di immunodeficienza delle scimmie (brevemente SIV, dall'inglese Simian immunodeficiency virus) è un retrovirus che è in grado di infettare almeno 45 specie africane di primati non umani[1]. Il virus è responsabile della sindrome di immunodeficienza delle scimmie, esiste da circa 32000 anni[2] ed è considerato l'antenato dei virus HIV-1 e HIV-2 che infettano l'uomo[3].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nota di reindirizzamento su scholar.google.it. URL consultato il 2015-08-25.
  2. ^ Precursor to H.I.V. Was in Monkeys for Millenniums - NYTimes.com su mobile.nytimes.com. URL consultato il 2015-08-25.
  3. ^ Kevin R. McCarthy, Andrea Kirmaier e Patrick Autissier, Evolutionary and Functional Analysis of Old World Primate TRIM5 Reveals the Ancient Emergence of Primate Lentiviruses and Convergent Evolution Targeting a Conserved Capsid Interface in PLoS Pathog, vol. 11, nº 8, 2015-08-20, pp. e1005085, DOI:10.1371/journal.ppat.1005085. URL consultato il 2015-08-25.