Vinciguerra d'Aragona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vinciguerra d'Aragona (Sicilia (?), XIV secoloXIV secolo) fu cancelliere del Regno di Sicilia nel XIV secolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vinciguerra d'Aragona, era figlio di Sanciolo d'Aragona e di Lucia Palizzi [1], Il nonno era Matteo Palizzi.

Nel 1355 Ludovico d'Aragona re di Sicilia lo assegna a Patti in veste di capitano di guerra coadiuvato da Guglielmo Rosso e Corrado Spadafora, posizione ricoperta dopo la morte del sovrano, dal mese di dicembre fino al mese di dicembre del 1356. In merito ottiene altri incarichi di fiducia, tra i quali quello capitano e castellano di Lipari. Ribellatosi al successore Federico IV d'Aragona, insieme al fratello Sanciolo d'Aragona (Sancho), è promotore di una rivolta pro - angioina nel 1357. Nella lunghissima disputa inserita nelle vicende dei Vespri siciliani, riconcilia con la Corona d'Aragona e riconquista i territori ribelli passati agli Angioini. Nel marzo 1359 domata l'insurrezione, è premiato con la signoria di Termini Imerese e la contea di Novara di Sicilia nel 1364, già precedentemente appartenuta al nonno materno. Dal nipote Mattiolo d'Aragona senza discendenti, figlio di Sanciolo d'Aragona, eredita la Contea di Cammarata nel 1369 e la Contea di San Marco. Nel 1371 diviene barone di Militello, baronia appartenuta al padre corrispondente ai territori degli odierni territori comunali di Sant'Agata Militello e Militello Rosmarino e relative fortificazioni.

Dal 1365 al 1368 ricopre il ruolo di Gran Cancelliere della Sicilia, nominato da Federico IV di Sicilia, subentrando a Enrico Rosso. [2]

È promotore della costruzione della Torre Vinciguerra a Gioiosa Marea nel 1366 e della riedificazione del Castello Vinciguerra sulla parte sommitale di Gioiosa Guardia.

Nel 1359 al nobile Vinciguerra risultano assegnati i possedimenti e il castello di Adelasia di Patti, il castello di Tindaro di Tindari, il castello arabo - normanno di San Marco d'Alunzio, il castello d'Orlando di Capo d'Orlando, il castello federiciano di Montalbano Elicona, il castello arabo - normanno di Noara, il castello di San Filadelfo di San Fratello.[3]

Lascia come erede il figlio Federico d'Aragona reo di fellonia quindi meglio noto come Federico il Fellone.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina 175, Abate Francesco Sacco, "Dizionario geografico del Regno di Sicilia", [1], Volume 2, Palermo, Reale Stamperia, 1800
  2. ^ Dizionario biografico Treccani
  3. ^ Pagine 134, 135, 136 e 137 del libro di Di Francesco San Martino De Spucches, Mario Gregorio, "La Storia dei feudi e dei titoli nobiliari di Sicilia dalle loro origini ai nostri giorni", Palermo, volume sesto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Di Francesco San Martino De Spucches, Mario Gregorio, "La Storia dei feudi e dei titoli nobiliari di Sicilia dalle loro origini ai nostri giorni", Palermo, volume sesto.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]