Vincenzo Legrenzio Ciampi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vincenzo Legrenzio Ciampi (Piacenza, 2 aprile 1719Venezia, 30 marzo 1762) è stato un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò dapprima a Piacenza sotto la guida del maestro di cappella Rondini, poi con Francesco Durante e Leonardo Leo a Napoli. Fu proprio presso la scuola napoletana che acquisì il suo stile composito per l'opera buffa, genere in cui fu maggiormente apprezzato. Tra il 1746 e 1747 lavorò a Palermo come clavicembalistae alle percussioni. Successivamente si recò prima a Parigi e poi a Londra, dove rimase dal 1748 al 1756. Dopo un breve soggiorno a Bruxelles, dal 1747 prestò servizio come maestro di cappella all'Ospedale degli Incurabili a Venezia. Ivi morì, di apoplessia, durante le prove per la rappresentazione della sua ultima opera, Antigona, nel 1762.

Oltre alle opere liriche, compose parecchia musica da camera, per lo più scritta tra il 1751 e il 1756 a Londra, che fu discretamente apprezzata. Tuttavia il campo in cui ebbe maggior successo rimase l'opera buffa. Tra i suoi lavori più noti si ricorda l'opera Bertoldo alla corte rappresentata a Parigi il 12 novembre 1754, la quale fu ben accolta dal pubblico e l'opera Gli tre cicisbei ridicoli, rappresentata a Londra il 14 marzo 1749, contenente la famosa aria Tre giorni son che Nina, che per più di un secolo è attribuita erroneamente a Giovanni Battista Pergolesi. Il suo stile compositivo si colloca a metà strada tra lo stile barocco e quello galante.

Lavori[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Sono note 25 opere di Ciampi; l'anno e la città si riferiscono alla prima rappresentazione.

Lavori sacri[modifica | modifica wikitesto]

Oratori[modifica | modifica wikitesto]

Altri lavori sacri[modifica | modifica wikitesto]

  • Missa solemnis a 4 voci (1758)
  • Te deum laudamus a 4 voci con strumenti (1758)
  • Kyrie, Gloria e Te Deum a 4 voci con archi
  • Salve Regina a 4 voci con organo

Lavori strumentali[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12497042 · ISNI (EN0000 0000 8092 0288 · LCCN (ENn86051427 · GND (DE142339474 · BNF (FRcb13949573q (data) · CERL cnp01272318 · WorldCat Identities (ENn86-051427