Val Calore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Valle del Calore)
Jump to navigation Jump to search
Valle del Calore
StatiItalia Italia
RegioniCampania Campania
ProvinceSalerno Salerno
Località principaliLaurino, Piaggine, Valle dell'Angelo, Magliano Nuovo, Magliano Vetere, Felitto, Castel San Lorenzo, Roccadaspide, Aquara, Castelcivita, Controne, Postiglione
Comunità montanaComunità Montana Calore Salernitano
FiumeCalore Lucano
Superficie459,47 km2 km²
Abitanti20.518 (tot.) ({{{anno}}})

La Valle del Calore è una vallata del Subappennino lucano in Campania, comprendente il bacino del fiume Calore Lucano nel distretto geografico del Cilento.

Non deve essere confusa con la valle omonima dell'Appennino campano comprendente il bacino del Calore Irpino, un diverso fiume localizzato anch'esso in Campania ma a latitudini più settentrionali, nel distretto geografico dell'Irpinia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La valle, che segue il percorso del fiume Calore Lucano, inizia sul versante settentrionale del monte Cervati al centro del parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, ed è composta da un tratto montuoso comprende i territori comunali di Laurino, Piaggine, Valle dell'Angelo, Magliano Nuovo, Magliano Vetere, Felitto, Castel San Lorenzo, Roccadaspide, Aquara, Castelcivita, Controne e Postiglione.

Nella parte alta del suo percorso il fiume si insinua tra alte pareti rocciose dando vita alle cosiddette Gole del Calore.

Produzione di Vini DOC[modifica | modifica wikitesto]

Gli agricoltori della Valle del Calore sono impegnati nella produzione di Vini, sia DOC che IGT,e di oli. Tra i suoi prodotti spiccano i sette vini Castel San Lorenzo D.O.C. e i vini Paestum a Indicazione Geografica Tipica.

La denominazione di origine controllata Castel San Lorenzo si estende interamente ai territori dei comuni di Castel San Lorenzo, Felitto e Bellosguardo e, in parte, ai comuni di Aquara, Castelcivita, Roccadaspide, Magliano Vetere e Ottati.

Le condizioni pedoclimatiche hanno reso queste zone adatte alla coltivazione della vite da tempi remoti e il disciplinare ne tutela le specificità colturali e ampelografiche preesistenti.

I vini prodotti con la denominazione DOC Castel San Lorenzo sono il Castel San Lorenzo Barbera, il Castel San Lorenzo Rosso, il Castel San Lorenzo Bianco, il Castel San Lorenzo Rosato, il Castel San Lorenzo Moscato Spumante e il Castel San Lorenzo Moscato Lambiccato. Le rese massime in vigna sono di 100 quintali per ettaro per Rossi, Rosati e Barbera e di 120 per i Bianchi.

Produzione di Vini IGT[modifica | modifica wikitesto]

L'Indicazione Geografica Tipica "Paestum", con la specificazione di uno dei seguenti vitigni: Aglianico, Barbera, Coda di Volpe, Fiano, Greco, Moscato, Piedirosso, Piedirosso, Sciascinoso, è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, per almeno l'85% dai corrispondenti vitigni.

I Vini a Indicazione Geografica Tipica "Paestum" devono essere ottenuti da uve provenienti da vigneti composti da uno o più vitigni raccomandati e/o autorizzati per la provincia di Salerno. La zona di produzione delle uve comprende il territorio del basso e dell'alto Cilento della provincia salernitana.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]