Val Vogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Val Vogna
Valvogna.JPG
Panorama della Val Vogna con il Corno Rosso (m. 2979)
StatiItalia Italia
RegioniPiemonte Piemonte
ProvinceVercelli Vercelli
Località principaliRiva Valdobbia
Comunità montanaComunità Montana Valsesia
FiumeVogna
Altitudineda 1100 a 3320 m s.l.m.
Sito web

Coordinate: 45°48′52.56″N 7°55′49.4″E / 45.8146°N 7.930389°E45.8146; 7.930389

La Val Vogna (I' Vejin[1] in walser) è una valle laterale della Valsesia, nel territorio del comune di Riva Valdobbia.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La Val Vogna è situata a ovest del paese di Riva Valdobbia, tra la Val d'Otro a nord e la Valle Artogna a sud.
La valle è raggiungibile dall'abitato di Riva tramite una piccola strada asfaltata che dopo qualche tornante raggiunge la frazione Cà di Janzo. Da qui la strada prosegue in leggera salita fino alla frazione Sant'Antonio. Negli scorsi anni il comune di Riva Valdobbia ha trasformato la parte iniziale dell'antica mulattiera, oltre Sant'Antonio, in una stretta strada di terra battuta riservata ai pochi residenti in valle, che termina poco prima della frazione Peccia.
Poco oltre quest'ultima frazione si incontra il cosiddetto ponte napoleonico; a questo punto la valle si biforca: verso destra è possibile salire al colle di Valdobbia (m. 2480), dove è situato l'Ospizio Sottile; a sinistra il sentiero segue il percorso del torrente fino all'alpe e al passo del Maccagno (m. 2495).

Alpeggi[modifica | modifica wikitesto]

La valle ospita verdissimi alpeggi e alcuni villaggi con le caratteristiche case walser.

Alpe Larecchio e Corno Bianco
  • Vogna Sotto (m. 1271)
  • Cà di Janzo (m. 1354)
  • Cà Piacentino (m. 1361)
  • Cà Morca (m. 1378)
  • Cà Verno (m. 1387)
  • Sant'Antonio (m. 1381)
  • Selveglio (m. 1536)
  • Oro (m. 1510)
  • Cà Vescovo (m. 1466)
  • Rabernardo (m. 1453)
  • Cambiaveto (m. 1499)
  • Piane (m. 1511)
  • Peccia (m. 1529)
  • La Montata (m. 1739)
  • Larecchio (m. 1900)

Rifugi[modifica | modifica wikitesto]

Luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa della Madonna delle Pose, con i resti delle fortificazioni a difesa della Valsesia costruite alla fine del XVII secolo.
  • Oratorio di S. Antonio, nell'omonima frazione
  • Museo etnografico walser, in una tipica casa del XVII secolo (m. 1545) presso la frazione Rabernardo.
  • Oratorio di S. Grato alla frazione Peccia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sergio Maria Gilardino, I Walser e la loro lingua - Dal grande Nord alle Alpi, Alagna Valsesia, Zeisciu, 2008

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emilio Pagliano, Alta Valsesia: Riva Valdobbia e la Valle Vogna, Roma 1907.
  • Ebe Bello Lanzavecchia, Riva Valdobbia, Torino 1977.
  • Sergio Bellosta e Roberto Bellosta, Valle Vogna. Censimento delle case di legno, Gozzano 1988.
  • Eberhard Neubronner, La valle nera. Genti del Piemonte: un approccio, Magenta 1999.
  • Enrico Rizzi, Valle Vogna, in Storia dei Walser dell'Ovest: Vallese, Piemonte, Cantone Ticino, Valle d'Aosta, Savoia, Oberland Bernese, Anzola d'Ossola 2004, pp. 117–122.
  • Roberto Fantoni, La Val Vogna (Alta Valsesia). Un insediamento multietnico tardomedievale sul versante meridionale del Monte Rosa, in «Augusta» 2008, pp. 57–62.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte