Un incantevole aprile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un incantevole aprile
Titolo originale Enchanted April
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Regno Unito
Anno 1992
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro, Dolby
Genere commedia, romantico
Regia Mike Newell
Soggetto Elizabeth von Arnim
Sceneggiatura Peter Barnes
Produttore Ann Scott, Matthew Hamilton
Produttore esecutivo Simon Relph, Mark Shivas1
Casa di produzione BBC Films in società con Miramax Films e Greenpoint Films
Distribuzione (Italia) Medusa Film
Fotografia Rex Maidment
Montaggio Dick Allen
Musiche Richard Rodney Bennett
Scenografia Malcolm Thornton
Costumi Sheena Napier
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Un incantevole aprile (titolo originale in lingua inglese: Enchanted April) è un film britannico del 1992 diretto da Mike Newell, tratto da un romanzo di Elizabeth von Arnim del 1922, nel quale si racconta la vicenda di quattro signore londinesi che lasciano la loro piovosa città per trascorrere un periodo di vacanza sulla Riviera ligure di levante.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film, come l'omonimo romanzo di Elizabeth von Arnim, è ambientato in Inghilterra e in Italia nel 1920. La signora Arbuthnot e la signora Wilkins, che frequentano lo stesso club femminile ma non hanno mai scambiato una parola fra di loro, fanno reciproca conoscenza dopo aver letto entrambe su di un giornale un annuncio economico in cui si offriva in affitto un castello in Italia. Le due signore scoprono di essere accomunate dalla tristezza per aver contratto entrambe un matrimonio deludente e dal desiderio di trascorrere un periodo di riposo in una località soleggiata e piena di fiori. Non essendo ricche, le due donne decidono di cercare altre compagne disposte a dividere le spese; con riluttanza accettano di portare con loro la signora Fisher, una signora anziana e sussiegosa, e Lady Caroline Dester, una giovane donna graziosa e brillante desiderosa di allontanarsi dalla soffocante società mondana in cui è immersa in Inghilterra.

La bellezza dell'ambiente italiano fa ritrovare ben presto gioia e serenità alle quattro donne. La signora Wilkins, che desidera condividere questa gioia col proprio marito, un prosaico uomo di affari, invita il consorte a raggiungerla. Lo stesso fa, sebbene con più riluttanza, la signora Arbuthnot, una donna molto religiosa sposata a un uomo mondano, scrittore di romanzi erotici il quale in Inghilterra è uno dei corteggiatori di Lady Caroline. Giunge dapprima il signor Wilkins il quale si inserisce con facilità nella comunità del castello e scopre di essere innamorato della moglie. Giunge anche George Briggs, il proprietario del castello, un suonatore di oboe timido e malaticcio. Briggs è colpito inizialmente dalla signora Arbuthnot, che crede una vedova di guerra, e resta deluso quando poco dopo si presenta al castello anche il signor Arbuthnot. Costui resta inizialmente sconcertato dalla presenza sia della moglie che di Lady Caroline; ma quest'ultima, desiderosa di solitudine, lo toglie dall'imbarazzo mostrando di non conoscerlo. Anche i coniugi Arbuthnot ritrovano serenità e affetto reciproco. Un sentimento amoroso sembra nascere anche fra George Briggs e Lady Caroline. E amore per l'umanità e fiducia nell'avvenire sembrano nascere perfino nell'anziana ed egoista signora Fisher la quale, nel momento di andar via, pianta nel giardino del castello il proprio bastone di legno affinché fiorisca.

Commento[modifica | modifica sorgente]

Il romanzo di Elizabeth Von Arnim The enchanted april[1], tradotto in italiano nel 1928 col titolo Incanto di aprile[2] e nel 1993 col titolo Un incantevole aprile[3], era ambientato in località di cui venivano date solo indicazioni geografiche sommarie (Londra e San Salvatore). Ne venne tratto un film con lo stesso titolo già nel 1935, diretto da Harry Beaumont, protagonisti Ann Harding, Katharine Alexander e Frank Morgan. Dopo il film diretto da Newell (1992), nel 2003 fu rappresentata a Broadway una riduzione teatrale ad opera di Matthew Barber[4], mentre nel marzo 2010 è stata rappresentato al Chelsea Studios di New York un musical, tratto sempre dal romanzo della Arnim, con musiche di Richard B. Evans e testi di Charles Leipart[5].

Il film è stato girato nel Castello Brown di Portofino dove la romanziera trascorse un periodo di vacanza nel 1920; all'epoca il castello apparteneva a un proprietario inglese[6].

Il film di Newell ha ottenuto due Golden Globe nell'anno 1993:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Elizabeth Von Arnim, The enchanted april, by the author of Elisabeth and her German garden, Leipzig: B. Tauchnitz, 1922
  2. ^ Elizabeth Von Arnim, Incanto di aprile; traduzione di Luisa Banti, Firenze: Felice Le Monnier, 1928
  3. ^ Elizabeth Von Arnim, Un incantevole aprile, Torino, Bollati Boringhieri, 1993. ISBN 88-339-0791-0
  4. ^ Theatre Cedar Rapids Enchanted April Photo Gallery
  5. ^ Enchanted April, A Lyrical New Musical
  6. ^ Castello Brown, History

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]