Ulrica Eleonora di Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ulrica Eleonora di Danimarca
Ulrica Eleanor of Sweden (1680) 1677 by Jacques D’Agar.jpg
Regina consorte di Svezia
In carica 1680–1693
Nascita Copenaghen, 11 settembre 1656
Morte Palazzo di Karlberg, 26 luglio 1693
Casa reale Casato degli Oldenburg
Casato di Palatinato-Zweibrücken
Padre Federico III di Danimarca
Madre Sofia Amelia di Brunswick e Lüneburg
Consorte Carlo XI di Svezia
Figli Edvige Sofia, Duchessa di Holstein-Gottorp
Carlo XII di Svezia
Ulrica Eleonora di Svezia

Ulrica Eleonora di Danimarca (Copenaghen, 11 settembre 165626 luglio 1693) fu Regina consorte di Svezia come consorte di Re Carlo XI di Svezia.

Il nome Ulrike è una versione danese del nome; in svedese è chiamata Ulrika Eleonora den äldre, (che in italiano significa Ulrika Eleonora la Maggiore), per distinguerla da sua figlia, la futura regina regnante.

Infanzia e famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Ulrika in qualità di principessa di Danimarca ritratta da Pierre Signac

Ulrica era la figlia di Re Federico III di Danimarca e di sua moglie la Regina Sofia Amelia di Brunswick e Lüneburg. Nel 1675 fu promessa a Re Carlo XI di Svezia. Durante la Guerra di Scania tra Danimarca e Svezia nel 1675–1679 fu incoraggiata a rompere il fidanzamento e fu considerata come possibile consorte per il Sacro Romano Imperatore, Leopoldo I, ma rifiutò di fare ciò. Si guadagnò una reputazione di lealtà dal suo futuro paese esibendo gentilezza verso i prigionieri svedesi durante la guerra del 1675-79: impegnò i suoi gioielli, persino il suo anello di fidanzamento, per prendersi cura dei prigionieri svedesi di guerra.

Sposò Carlo il 6 maggio 1680. Ebbero sette figli, di cui solo tre raggiunsero l'età adulta;

Vita da regina[modifica | modifica wikitesto]

Ulrike Eleonora ritratta da David Klöcker Ehrenstrahl.
La bara di Ulrica Eleanora nella Riddarholmskyrkan.

Ulrica Eleonora fu descritta come bella e gentile e fu accolta con entusiasmo tra il pubblico a Stoccolma e in Svezia, soprattutto perché era vista come una speranza per la pace tra i due paesi di Svezia e Danimarca. Secondo una leggenda, suo marito non le fu mai infedele, cosa inusuale per un re in questo periodo; quando egli morì, disse a sua madre che non era stato felice da quando sua moglie morì. Tuttavia, fu anche detto di essere stato di natura freddo e incapace di dimostrarle l'amore che provava per lei. Soprattutto, era sempre sotto la forte influenza di sua madre, Edvige Eleonora di Holstein-Gottorp, che non aveva mai ceduto la posizione di regina a suo nuora. Mentre la sfiducia persistente tra la Danimarca e la Svezia causata dalla Guerra di Scania rimaneva, Edvige Eleonora e il governo di Svezia non furono mai ricettivi all'idea del figlio di sposare una principessa danese. Forse per far loro piacere e mostrare che lei aveva alcuna influenza su di lui, il re si riferiva sempre ad Ulrica Eleonora come "mia moglie" e chiamava sua madre "la regina". Memori di ciò, gli ambasciatori stranieri, visitavano sempre Edvige Eleonora per prima, e poi Ulrica Eleonora, quando rendevano i loro omaggi alla famiglia reale.

Messa in ombra da sua suocera, Ulrica Eleonora non fu mai felice o a suo agio con la sua vita a corte. La sua privata vita famigliare con il re ed i suoi figli, d'altro canto, si diceva fosse molto felice. I suoi momenti più piacevoli giungesero quando suo cognato e sua sorella, il duca e la duchessa di Holstein-Gottorp le fecero visita, e apprezzò anche i giorni in cui lei e suo marito e i figli visitarono il Palazzo di Karlberg, più semplice, moderno e rurale, che suo marito utilizzò come luogo di relax. A Karlberg, godé di una vita semplice lontana dalla corte e sviluppando un interesse per la pittura. Si interessò anche al teatro e alla danza e interpretò le opere con le dame di corte. Tra le nobili che partecipavano alle sue esibizioni amatoriali c'era la famosa Aurora von Königsmarck con sua sorella Amalia Wilhelmina Königsmarck. Tra le sue dame di compagnia note c'eranola coppia di sorelle De la Gardie, la cantante Ebba Maria e il poetessa Johanna Eleonora.

Ulrica Eleonora cercò una volta esercitare una certa influenza politica sul suo consorte. Durante "La Grande Reversione" per la corona delle contee, le baronie e le grandi signorie della nobiltà (la maggior parte di loro riccamente cedute dalla Regina Cristina), tentò di parlare per conto del popolo la cui proprietà furono confiscate dal governo, ma il re le disse semplicemente che la ragione per cui l'aveva sposata non era che lui voleva i suoi consigli politici. Poi con calma aiutò le persone più povere la cui proprietà erano state confiscate compensandoli, in segreto, economicamente dal suo budget personale. Fu molto nota per la sua grande attività di carità; fondò un gran numero di orfanotrofi, case per poveri, case di lavoro, case per vedove, scuole per insegnare ai poveri le professioni e di altre istituzioni, e sotto questo aspetto, ebbe una certa influenza politica nella società. Il suo progetto migliore fu la Drottninghuset (italiano: La Casa regina), una casa per vedove povere a Stoccolma (1686), e la scuola di arazzo a Karlberg, dove le ragazze povere furono educate a fabbricare l'arazzo da tre nobildonne nubili finlandesi. Sostenne un gran numero di persone dal suo bilancio personale, come i soldati invalidi e le loro consorti e convertì al protestantesimo dal giudaismo, dall'islam e dal cattolicesimo (in particolare conversioni di sesso femminile).

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1690, suo marito la nominò come possibile reggente nel caso fosse morto durante la minore età di suo figlio. La sua salute, tuttavia, declinò a causa dei parti frequenti, morì tre anni dopo, dopo aver trascorso l'inverno del 1692–93 a letto. Solo dopo la sua morte suo marito si riferì a lei come regina.

C'è una vecchia leggenda sulla sua morte. La leggenda afferma che mentre la regina stava morendo al Palazzo di Karlberg, la sua dama di compagnia prediletta, la Contessa Maria Elisabeth Stenbock, giaceva inferma a Stoccolma. Nella notte che la regina era morta, la Contessa Stenbock visitò Karlberg e fu ammessa da solo nella stanza contenente le spoglie della regina. L'ufficiale di guardia guardò nel buco della serratura e vide la contessa e la regina parlare alla finestra della stanza. Fu così sconvolto dalla vista che iniziò a tossire sangue. La contessa, così come la carrozza con cui era arrivata, se ne andò un attimo dopo. Quando la questione venne analizzata, fu chiarito che la contessa era a letto, gravemente malata quel giorno e non aveva lasciato la città. L'ufficiale morì per lo shock ricevuto dalla visione, e la contessa morì settimane più tardi. Il re diede ordine che il caso non doveva essere menzionato ulteriormente.

Antenati[modifica | modifica wikitesto]

Ulrica Eleonora di Danimarca Padre:
Federico II di Danimarca
Nonno paterno:
Cristiano III di Danimarca
Bisnonno paterno:
Federico I di Danimarca
Trisnonno paterno:
Cristiano I di Danimarca
Trisnonna paterna:
Dorotea di Brandeburgo
Bisnonna paterna:
Anna di Brandeburgo
Trisnonno paterno:
Giovanni I di Brandeburgo
Trisnonna paterna:
Margherita di Turingia
Nonna paterna:
Dorotea di Sassonia-Lauenburg
Bisnonno paterno:
Magnus I di Sassonia-Lauenburg
Trisnonno paterno:
Giovanni V di Sassonia-Lauenburg
Trisnonna paterna:
Dorotea di Hohenzollern
Bisnonna paterna:
Caterina di Braunschweig-Lüneburg
Trisnonno paterno:
Enrico IV di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna paterna:
Caterina di Pomerania-Wolgast
Madre:
Sofia di Meclemburgo-Güstrow
Nonno materno:
Ulrico III di Meclemburgo-Güstrow
Bisnonno materno:
Alberto VII di Meclemburgo-Güstrow
Trisnonno materno:
Magnus II di Meclemburgo-Schwerin
Trisnonna materna:
Sofia di Pomerania-Wolgast
Bisnonna materna:
Anna di Brandeburgo
Trisnonno materno:
Gioacchino I di Brandeburgo
Trisnonna materna:
Elisabetta di Danimarca
Nonna materna:
Elisabetta di Danimarca
Bisnonno materno:
Federico I di Danimarca
Trisnonno materno:
Cristiano I di Danimarca
Trisnonna materna:
Dorotea di Brandeburgo
Bisnonna materna:
Sofia di Pomerania
Trisnonno materno:
Bogislao X di Pomerania
Trisnonna materna:
Anna Jagellone

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • Herman Lindqvist (2006). Historien om alla Sveriges drottningar (in svedese). Norstedts Förlag. ISBN 91-1-301524-9. (In svedese)
  • Lindqvist, Herman. Storhet och fall. Sweden: Bokförlaget Pan, 2000 (1997). Vol 4 of Historien om Sverige. 10 vols. 1992–2002. ISBN 91-7263-092-2. (In svedese)
  • "Ulrika Eleonora". vol 13 of Bra böckers lexikon. (ed. Jan-Öjvind Swahn). 25 vols.Bokförlaget Bra Böcker AB, 1986. (In svedese)
  • http://runeberg.org/sqvinnor/0427.html (In svedese)
  • Carl Grimberg: Svenska Folkets underbara öden IV. 1660-1707 (The wonderful destinys of the Swedish people) (In svedese)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN52501919 · ISNI (EN0000 0000 5335 7194 · LCCN (ENnr95047065 · GND (DE119550660 · ULAN (EN500028519