Amalia von Königsmarck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Autoritratto datato 1687

Amalia "Emilie" Wilhelmina Königsmarck (Germania, 20 agosto 166330 gennaio 1740) è stata una nobile, pittrice, attrice teatrale e poetessa svedese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Stade, figlia del conte Kurt Christoph von Königsmarck (1634-1673) e della contessa Maria Christina von Wrangel, sorella di Philip Christoph Königsmarck, Aurora von Königsmarck e Carl Johan Königsmarck, e nipote paterna di Otto Wilhelm von Königsmarck. Sposò il conte Carl Gustaf Lewenhaupt (1662-1703)[1] alla presenza della famiglia reale il 5 gennaio 1689, e divenne la madre di Charles Emil Lewenhaupt[2].

Amalia Königsmarck apparteneva alla corte reale dilettante tra gli studenti di Ehrenstrahl. I suoi dipinti conosciuti includono un autoritratto del 1688, un ritratto di sua sorella Aurora, un ritratto della nobile Katarina Ebba Horn del 1698 e un ritratto di Sophia Dorothea di Hannover. Ha partecipato al teatro amatoriale della corte reale incoraggiato dalla regina, Ulrika Eleonora di Danimarca. Nell'inverno del 1683-84, un gruppo di cortigiane eseguì la prima svedese di Iphigénie da Racine a corte. Nella commedia, Johanna Eleonora De la Gardie recita nella parte di Ifigenia, Amalia Königsmarck nella parte di Achille, Aurora Königsmarck come Clitemnestra, Augusta Wrangel come Agamennone, e Ebba Maria De la Gardie come Erifile[3]. Questo è considerato un evento significativo come la prima rappresentazione eseguita da un cast di sole donne in Svezia, come introduzione al classicismo francese in Svezia[4]. Amalia Königsmarck ha anche scritto poesie. La sua poesia è stata pubblicata da Hanselli nel XIXesimo secolo[5].

Nel 1695, convinse il suo sposo ad arruolarsi al servizio di Augusto II il Forte, che a quel tempo era l'amante di sua sorella Aurora. A causa di ciò, il marito fu condannato a confisca di proprietà e morte in sua assenza da Carlo XII di Svezia nel 1703 durante la Grande guerra del Nord[6]. Lo stesso anno sua moglie morì nel loro esilio ad Amburgo, in Germania. Amalia Königsmarck tornò in Svezia nel 1722. Al suo ritorno in Svezia, portò con sé la famosa Höffern. Morì a Övedskloster, 76 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Skrivelser från och till Pontus Fredrik de la Gardies maka Beata Elisabeth Königsmarck.., sok.riksarkivet.se
  2. ^ Self-portrait as Pictura by Amalia von Köingsmarck (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2018)., nationalmuseum.se
  3. ^ Samlaren / 21:a årgången. 1900. Runeberg
  4. ^ Lars Löfgren (2003)
  5. ^ Königsmarck, släkter, Svenskt biografiskt lexikon, hämtad 2015-01-21
  6. ^ Minnespenningar öfver enskilda svenska män och qvinnor

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Svenskt konstnärslexikon, Allhems Förlag Malmö, dizionario di arte svedese
  • Lars Löfgren: Svensk teater, Natur & Kultur, Stockholm 2003, sid. 46. ISBN 91-27-09672-6
  • Königsmarck, släkter, Svenskt biografiskt lexikon, hämtad 2015-01-21.
  • Minnespenningar öfver enskilda svenska män och qvinnor

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7366097 · ISNI (EN0000 0000 5486 5836 · CERL cnp01420715 · Europeana agent/base/57409 · GND (DE1019221488 · WorldCat Identities (ENviaf-7366097